Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta immediata n. 395 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 395

LA REGIONE SI È ATTIVATA PER BLOCCARE I LICENZIAMENTI ALLA FERROLI?

presentata il 10 luglio 2017 dai Consiglieri Negro e Conte



Premesso che ad un anno esatto dalla precedente ipotesi si è appresa la notizia che alla ditta Ferroli di San Bonifacio (Verona) e Alano di Piave (Treviso) risulterebbe per 404 dipendenti la procedura di licenziamento collettivo;
Considerato che:
- il colosso del calore veronese si trova in crisi finanziaria da anni;
- ad aprile 2015 il governatore uscente e poi riconfermato, Luca Zaia, aveva dichiarato nel periodo di campagna elettorale che, in merito alle difficoltà che stava attraversando la Ferroli “Al tavolo con le banche la Regione farà da garante” facendo visita al presidio permanente dei dipendenti, a San Bonifacio, e affermando: “Il nostro obiettivo non è la mobilità ma dare a voi e alle famiglie un nuovo futuro”;
- già lo scorso anno si ventilavano esuberi e licenziamenti aziendali e Zaia, accompagnato da una decina di compagni di partito, alleati di governo e candidati al Consiglio regionale, aveva dichiarato ai dipendenti e a Paola Ferroli, allora neo presidente dell'azienda, la disponibilità ad aprire un tavolo con “Veneto Sviluppo” per risolvere i problemi, definendo gli ammortizzatori sociali “una battaglia d'ufficio” e annunciando l’attivazione di un piano industriale attraverso la finanziaria “Veneto Sviluppo”;
- ad oggi la situazione non è ancora stata risolta ma anzi si prospettano 404 possibili licenziamenti collettivi senza che alcun intervento concreto sia stato realizzato da parte della Regione e della maggioranza che la governa.
Ritenuto che sia quanto mai necessario e urgente avviare un tavolo di lavoro con le istituzioni del territorio, della giunta regionale e del governo nazionale per scongiurare l’ipotesi degli oltre 400 licenziamenti, eventualità drammatica per molte famiglie veronesi e trevigiane.
I sottoscritti consiglieri
interrogano la Giunta regionale

per sapere se intenda attivarsi con i vertici aziendali e gli enti territoriali ed istituzionali per bloccare e rivedere l’ipotesi degli oltre 400 licenziamenti collettivi.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1