Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta immediata n. 412 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 412

OLTRE DUECENTOCINQUANTA PERSONE COLPITE DAI SINTOMI DI GASTROENTERITE IN VAL DI ZOLDO (BL): QUALI ULTERIORI INDAGINI SONO STATE EFFETTUATE PER INDIVIDUARNE LE CAUSE?

presentata il 9 agosto 2017 dai Consiglieri Zanoni, Fracasso e Pigozzo


Premesso che:
- nei giorni scorsi si è appreso dalla stampa locale che in Val di Zoldo oltre duecentocinquanta persone hanno accusato i sintomi più o meno violenti della gastroenterite: dissenteria, vomito e febbre, in qualche caso molto alta. Ad esserne colpiti sono stati anche alcuni ragazzi di Pieve di Soligo, ospitati nella casa vacanza parrocchiale a Pecol. Stessa sorte è toccata ai quindici componenti della European Spirit of Youth Orchestra che hanno partecipato all'evento musicale “Tamburi di pace”;
- da subito l’origine dei suddetti sintomi è stata attribuita all’acqua proveniente da una fontana. Ma dagli accertamenti microbiologici eseguiti dal laboratorio Arpav di Treviso su una decina di campioni d'acqua prelevati dagli acquedotti presenti nella parte alta del comune di Val di Zoldo sarebbe emerso che l'acqua erogata rientra nei parametri stabiliti dalle norme vigenti;
- il Sindaco del Comune di Val di Zoldo, che in via precauzionale ha ritenuto opportuno vietare l'uso dell'acqua dell'acquedotto, ha espresso grande preoccupazione per la salute dei residenti e la determinazione a fare piena luce sulla vicenda;
- poiché l’acqua dell’acquedotto non è da ritenere la causa di quanto accaduto, è assolutamente doveroso effettuare ulteriori ed approfondite indagini al fine di tutelare la salute della popolazione locale e dei numerosi turisti che soggiornano nel territorio zoldano.
Tutto ciò premesso, i sottoscritti consiglieri regionali
chiedono all’Assessore regionale all’Ambiente e
all’Assessore regionale alla Sanità

se e quali ulteriori indagini sono state effettuate per individuare le cause della suddetta grave vicenda.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1