Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 127 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 127

VERTENZA MAGRIS DI ALBIGNASEGO: LA REGIONE INTENDE ISTITUIRE UN TAVOLO ISTITUZIONALE TRA LE PARTI?

presentata il 29 gennaio 2016 dai Consiglieri Barison e Giorgetti



Premesso che:
- ad Albignasego PD è attiva la ditta Martello Srl, azienda Leader nel settore dei prodotti di pulizie e macchinari per le pulizie, che occupa decine di lavoratori, e che vive da anni una profonda crisi;
- come in molti altri casi, anche nel caso della Martello srl, la crisi aziendale è seguita da una serie di vicende societarie non sempre facilmente e logicamente identificabili (trasformazioni, scorpori di rami d’azienda, fusioni, cessioni etc.).
Ricordato che:
- la Martello srl nel 2013 è stata posta in concordato preventivo;
- dal concordato ne uscì una soluzione con due affitti di ramo d’azienda, uno relativo alla parte commerciale e il secondo alla logistica (1 - Il commerciale venne affidato alla società Martello Professional Srl, di nuova costituzione, per un periodo di tre anni e con l’impegno irrevocabile all’acquisto. Dal dicembre 2015 la Martello, tramite fusione, è stata integrata alla società Magris Srl. 2) La parte logistica venne invece affidata alla Coop Easy che dopo 2 anni disdì l’affitto che fu quindi affidato poi alla Società Agricom Service Srl con sede a Bergamo);
- l’attività, in particolare, della Società Agricom Service srl si riferisce alla gestione del magazzino e alla distribuzione del materiale della Magris.
Rilevato che:
- da notizie riferite dal sindaco reggente della Città di Albignasego, Filippo Giacinti, dalle parti sindacali, nonché dagli organi di stampa, il 31 gennaio 2016 la Società Agricom Service srl chiuderà ogni attività ad Albignasego;
- questa decisione è pervenuta alle parti senza alcun preavviso e che solo l’attivismo delle parti sindacali ha permesso l’apertura di un tavolo in Provincia;
- detto tavolo è stato convocato, una prima volta il 16 novembre 2015 (nessuna delle ditte coinvolte nell’attività si presenta) e una seconda volta in data 11 dicembre 2015 (le parti intervengono senza dare alcuna garanzia ai lavoratori - 16 unità - ma con l’impegno di riaggiornarsi entro gennaio 2016), con lo scopo principale di chiedere alla ditta Agricom uscente dal servizio e a quelle che le subentreranno la continuità occupazionale, senza però sortire l’effetto sperato;
- dal 1° febbraio 2016 il servizio che svolgeva la Società Agricom Service srl sarà affidato alla società Trastar 92 di Roma, e questa lo subappalterà alla società Coop Gaia;
- la Società cooperativa Gaia, contro ogni buona pratica e senza la minima considerazione e rispetto per il Tavolo aperto e attivo al momento in Provincia, di sua iniziativa e senza alcun preavviso in data 21 gennaio 2016 ha proposto e sottoscritto nuovi contratti, non solo a condizioni peggiorative ma solo per alcuni lavoratori lasciando nel baratro molti altri lavoratori;
- stando alle informazioni raccolte, l’unica motivazione alla base della crisi sarebbe riconducibile non alle commesse, mai venute meno, quanto piuttosto a meri calcoli di risparmio sul costo del personale, esternalizzando alcune attività;
- tale situazione sta creando allarme sociale, che da una parte si trasforma in apprensione e preoccupazione nelle decine di famiglie interessate direttamente, e dall’altra in tutte le Istituzioni locali, e che tale stato ha dato vita a uno stato di agitazione e presidi dei lavoratori.
Tutto ciò premesso, i sottoscritti consiglieri
interrogano la Giunta regionale

per sapere se la Regione intende promuovere urgentemente la costituzione di un Tavolo istituzionale e quali eventuali altre iniziative intende assumere atte a:
- perseguire la tutela del lavoro e delle professionalità presenti nelle aziende coinvolte;
- promuovere la formazione/riconversione professionale al fine di perseguire l’obiettivo del mantenimento dei livelli occupazionali.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1