Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 283 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 283

OSPEDALE MAGALINI DI VILLAFRANCA, NUOVE NUBI ALL’ORIZZONTE: QUANTO DOVRANNO ATTENDERE ANCORA I CITTADINI PER VEDERLO IN FUNZIONE?

presentata l’11 agosto 2016 dai Consiglieri Bassi, Negro e Conte



Premesso che:
- l’ospedale “Magalini” di Villafranca‎ è stato distrutto da un incendio nell’anno 2003 e i lavori per la sua ricostruzione sono ancora in corso;
- per la sua ricostruzione, l’importo stanziato a base di gara era di circa 40 milioni di euro. L’esecuzione dei lavori venne poi aggiudicata per circa 28 milioni di euro, con un consistente ribasso;
- agli interroganti sono giunte, nei giorni scorsi, notizie che la ditta esecutrice dei lavori avrebbe avanzato riserve per circa 19 milioni di euro, una cifra mostruosa addirittura superiore al ribasso d’asta.
Considerato che:
- un un’intervista al giornale L’Arena del 23 gennaio 2014 l’assessore Coletto asseriva: “Le promesse sono state mantenute...omissis...Nella primavera 2015 la struttura sarà pronta. Si dovranno poi trasferire i reparti e le attrezzature e si dovrà provvedere agli arredi”;
- in un convegno tenutosi il 2 dicembre 2014 presso l’auditorium di Villafranca, alla presenza dell’assessore Coletto, si era data come unica certezza la consegna del cantiere per il 2 luglio 2015;
- in un’intervista‎ apparsa poi su L’Arena del 25 settembre 2015, l’assessore Coletto prometteva solennemente che “l’ospedale sarebbe stato pronto per la primavera 2016”;
- infine l’assessore Luca Coletto, in un articolo del 23 luglio 2016, ha nuovamente corretto il tiro affermando testualmente: “La consegna dei lavori, a collaudi ultimati, è prevista per fine anno. Poi ci sono 180 giorni di tempo per allestire la struttura e trasferire i reparti”. Tali azioni fanno presagire ad una riapertura nel giugno 2017, quindi fra poco meno di un anno;
- sorprende una così marcata leggerezza mediatica da parte dell’assessore nell’annunciare continuamente date di apertura del nuovo Magalini che vengono poi smentite dai fatti, oltre a creare illusioni e false aspettative nella cittadinanza: un comportamento deplorevole che, tra l’altro, cozza visibilmente con la prudenza e l’attenzione mediatica che, invece, contraddistingue sempre il presidente Zaia;
- è forte, nella cittadinanza e negli operatori sanitari, un sentimento di delusione e rassegnazione perché la riapertura del nosocomio, più volte annunciata e sempre rimandata, sembra ancora un miraggio‎.
Ritenuto che l’iscrizione di riserve per importi da capogiro (sempre se confermate) non farebbe certo presagire una velocizzazione ‎dei tempi di messa in funzione del nosocomio villafranchese.
I sottoscritti consiglieri
interrogano la Giunta regionale

per sapere:
1) se la messa in funzione del ricostruito Ospedale Magalini di Villafranca‎ è ancora prevista per giugno 2017, come affermato dall’assessore Coletto il 23 luglio 2016, oppure se sono previsti ulteriori ritardi;
2) se sono state riconosciute varianti in corso d’opera alla ditta esecutrice e, se la risposta fosse affermativa, in che numero, per quali importi e per quali motivazioni;
3) se sono state avanzate riserve da parte della ditta esecutrice e, se la risposta fosse affermativa, si è a chiedere per quali importi, per quali motivazioni ‎e, soprattutto, se tale fatto possa fare presagire un ulteriore slittamento della data di messa in funzione del Magalini‎;
4) l’importo dei lavori autorizzati fino ad oggi e l’importo dei lavori già pagati alla ditta esecutrice.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1