Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 485 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 485

LA GIUNTA È INTENZIONATA A FAR RIPRISTINARE LA PRESENZA STABILE DEL CROCEFISSO NELLA CAPPELLA DELL’HOSPICE “LE VETTE” DI FELTRE NEL RISPETTO E DIFESA DI UN SIMBOLO CHE RAPPRESENTA LE NOSTRE RADICI CRISTIANE?

presentata il 4 settembre 2017 dal Consigliere Berlato



Premesso che:
- l’Hospice “Le Vette” di Feltre è una struttura residenziale per le cure palliative facente parte delle rete di assistenza ai pazienti affetti da malattie progressive ed in fase avanzata a rapida evoluzione e a prognosi infausta, per i quali ogni terapia finalizzata alla guarigione o alla stabilizzazione della patologia non è possibile o appropriata. Il tratto peculiare dell’Hospice è costituito dalle piccole dimensioni della struttura, dall’elevato contenuto umano degli operatori enunciato attraverso interventi di sostegno psicologico, relazionale e spirituale;
- da notizie di stampa di inizio anno, sembra che, su segnalazione di alcuni familiari degli ospiti ricoverati presso la struttura sia stata notata e lamentata l’assenza del crocefisso all’interno della cappella, ed evidenziata invece la presenza di libri e simboli di altre religioni;
- il portavoce di questo rammarico, vista la mancanza, aveva provveduto a portare un crocefisso sull’altare della cappella, crocefisso che nei giorni successivi sembrerebbe essere stato spostato in posti non visibili (quasi non fosse gradito), mentre i simboli delle altre religioni restavano al loro solito posto;
- sono seguiti ulteriori reclami finalizzati ad una soluzione, invece si è arrivati nel frattempo anche alla rimozione della targhetta “cappella” all’esterno della stessa quasi a voler disconoscere l’importanza di un luogo riservato per momenti di raccoglimento che possono avere anche valenza religiosa.
Premesso altresì che:
- sulla questione è stata interessata la Direzione dell’Ospedale con la quale sembrava essersi trovato un accordo favorevole alla presenza del crocefisso all’interno della cappella ma successivamente è stato verificato che lo stesso pur presente all’interno veniva spesso trovato in posizioni defilate, addirittura a terra o sulle panchine ma mai sopra l’altare, dove dovrebbe invece restare;
- anche la Chiesa non sembra avere una linea chiara e condivisa sulla questione in quanto i suoi rappresentanti sembrano avere opinioni diverse in merito: c’è chi addirittura invita a portarsi il crocefisso da casa per pregare chiedendo in maniera esplicita di ricordarsi al termine di rimuoverlo, chi invece auspica il ripristino dell’uso della cappella alla devozione cristiana (sintomo che inizialmente probabilmente lo era), chi considera follia essere arrivati a questi compromessi per il quieto vivere e anche chi, come il Vescovo emerito della Diocesi di Belluno-Feltre che a suo tempo aveva benedetto la struttura stessa, sembra abbia espresso la sua contrarietà su una vicenda a suo dire impossibile.
Considerato che la situazione ad oggi non è stata risolta e risulta ancora senza risposta la proposta di donazione fatta all’Ospedale di un crocefisso in legno scolpito e dipinto risalente alla metà dell’800 da destinare stabilmente alla Cappella dell’Hospice.
Visto che il Consiglio regionale del Veneto in data 09 marzo 2016 ha approvato la risoluzione n. 06 con la quale, ritenendo irrinunciabile il richiamo da parte della Regione del Veneto al proprio patrimonio storico culturale, che affonda le proprie radici nella tradizione cristiana e ritendo altresì che cancellare i simboli delle nostre radici cristiane comporterebbe lo svuotamento del significato dei principi cardine su cui si fonda la nostra società, si impegnava a sensibilizzare tutte le istituzioni pubbliche del Veneto al rispetto ed alla difesa di tutti i simboli che rappresentano le nostre radici cristiane,
Tutto ciò premesso, il sottoscritto consigliere, nel rispetto dell’impegno politico preso dal Consiglio regionale del Veneto con l’approvazione di suddetta risoluzione,
interroga la Giunta regionale

per sapere se è’ intenzionata a impegnarsi per far ripristinare la presenza stabile del crocefisso nella cappella, invitando chi di competenza a valutare se il togliere questo simbolo, che rappresenta e sintetizza i valori che discendono dalle nostre radici cristiane, da quel luogo che ricordiamo essere pubblico, possa essere un atteggiamento irrispettoso non solo nei confronti dei credenti ma anche di tutto il mondo laico che in quel simbolo vede l’appartenenza ad una cultura che va ben oltre il messaggio religioso.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1