Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 535 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 535

QUALI MISURE INTENDE ADOTTARE LA GIUNTA REGIONALE PER NON DECLASSARE IL SERVIZIO DI NEUROPSICHIATRIA DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA?

presentata il 25 gennaio 2018 dal Consigliere Conte


Premesso che:
- la legge regionale 25 ottobre 2016, n. 19 ha previsto l’istituzione dell’Azienda Zero e l’accorpamento delle Aziende ULSS , ridefinendo la struttura organizzativa sanitaria della Regione Veneto in 9 ULSS;
- la Giunta regionale, con deliberazione n. 1306 del 16 agosto 2017, ha approvato le nuove linee guida per la predisposizione da parte delle aziende ed enti del SSR del nuovo atto aziendale, per l’approvazione della dotazione di strutture nell’area non ospedaliera, per l’organizzazione del Distretto, per l’organizzazione del Diparto di Prevenzione, per l’organizzazione del Dipartimento di Salute Mentale da parte delle Aziende ed enti del Servizio Sanitario Regionale.
Considerato che:
- tutte le Unità Operative Complesse di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza sono diventate Unità Semplici, sotto componenti organizzative delle Unità Operative Complesse Infanzia, Adolescenza, Famiglia e Consultori;
- i disturbi del neurosviluppo non sono a preminente genesi sociale ma sono disturbi a base neurobiologica;
- i bambini con tali disturbi richiedono diagnosi, trattamenti riabilitativi e farmacologici, ricoveri ospedalieri, rapporti con pediatri di famiglia e con le scuole;
- nella nostra Regione i minori seguiti dai servizi pubblici sono ca. 55.000.
Tanto premesso, il sottoscritto Consigliere regionale
interroga la Giunta regionale

per sapere quali provvedimenti intende assumere per garantire un Servizio Specialistico di Neuropsichiatria con la presenza di medici, psicologi, logopedisti, terapisti dell’infanzia e dell’adolescenza affinché il servizio sia idoneo a dare cure appropriate e sostegno alle famiglie?

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1