Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 636 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 636

ANCORA OMBRE SULLA REALIZZAZIONE DELLA SUPERSTRADA PEDEMONTANA: LA GIUNTA REGIONALE FORNISCA UN APPROFONDITO CHIARIMENTO!

presentata il 10 ottobre 2018 dal Consigliere Ruzzante



Premesso che con nota del 5 ottobre 2018 il procuratore presso la Sezione centrale per il controllo sulla gestione delle amministrazione dello stato della Corte dei Conti ha chiesto alla Regione del Veneto di fornire risposta in ordine alle criticità segnalate con la nota di che trattasi con riferimento alla ridefinizione del rapporto concessorio della superstrada Pedemontana veneta.
Appreso che la Giunta regionale ha, con comunicato stampa n. 1506 del 08/10/2018 pubblicato sul profilo web istituzionale, rese note le risposte fornite alle criticità sollevate dal magistrato contabile.
Rilevato che le risposte così come rese pubbliche nel contesto del comunicato stampa di cui in premessa appaiono quantomeno laconiche e certamente poco esaustive rispetto ai temi posti con i quesiti che qui di seguito si riportano: “2 - Iniziative intraprese nei confronti dei responsabili del precedente assetto convenzionale” e “3 - Realizzabilità di alcune strutture viarie funzionalmente connesse con Pedemontana”.
Considerato che:
- rispetto al quesito n. 2, è evidente la evanescenza della risposta, e ciò nella misura in cui non risulta specificata la natura e la tipologia dei rimedi concretamente azionati dalla Giunta regionale;
- rispetto al quesito n. 3, poi, la risposta, così come consegnata al comunicato stampa n. 1506 del 08/10/2018, è non solo del tutto parziale, ma desta preoccupata perplessità nella parte in cui si sostiene che “(...) con particolare riferimento al traffico pesante, sarà anche in grado di monitorare la situazione traffico in fase di esercizio e programmare eventuali interventi, qualora si rivelassero necessari sulla base di dati effettivi rilevabili” e ciò in quanto posponendo alla fase di esercizio la programmazione di ulteriori interventi, peraltro relativi al traffico pesante - principale destinatario dell’opera -, sembra gettare un’ombra sulla reale capacità programmatoria rispetto alle opere complementari da realizzare e al relativo finanziamento.
Il sottoscritto consigliere
interroga la Giunta regionale

per sapere:
1) quali sono nel concreto le iniziative poste in essere dalla Giunta regionale nei confronti dei responsabili del precedente assetto contrattuale?
2) rispetto alle opere complementari da realizzare con riferimento al traffico pesante, perché non si è ritenuto di dover procedere sin d’ora alla programmazione delle stesse e all’individuazione dei mezzi di finanziamento?


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1