Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 730 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 730

LA REGIONE ╚ IN FORTE RITARDO NELL’APPLICAZIONE DELLE MISURE DI TUTELA DELLE AREE DI RETE NATURA 2000: QUAL ╚ LO STATO DELLE PROCEDURE CHE DOVEVA ADOTTARE E QUALI RISORSE INTENDE DESTINARE PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSIT└ E PER I MONITORAGGI DI FAUNA E FLORA?

presentata il 18 aprile 2019 dai Consiglieri Zanoni, Fracasso, Azzalin, Moretti, Pigozzo, Salemi, Sinigaglia, Zottis e Guarda



Premesso che:
- con la DGR n. 1761/2015 la Giunta regionale del Veneto ha approvato la procedura di adozione ed approvazione delle misure di conservazione per i siti Rete Natura 2000 ai fini della designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) previste dalla Direttiva 92/43/CE “Habitat”;
- con la DGR n. 786 del 27/05/2016 e con la DGR n. 1331 del 16/08/2017 la Giunta regionale del Veneto ha approvato le Misure di Conservazione dei Siti di Importanza Comunitaria (SIC) della Rete Natura 2000, al fine della designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC), come previsto all’art. 4, co. 4, della Direttiva 92/43/CEE;
- con la DGR n. 667/2018 la Giunta regionale del Veneto ha approvato lo schema di decreto di designazione delle 98 Zone Speciali di Conservazione (ZSC) delle regioni biogeografiche alpina e continentale insistenti nel territorio veneto, precedentemente trasmesso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con nota n. 39757 dell’1/02/2018;
- con decreto 27 luglio 2018 il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha designato quali “Zone speciali di conservazione” (ZSC) 98 Siti di importanza comunitaria (SIC), 37 nella Regione biogeografica alpina e 61 nella Regione biogeografica continentale;
- il succitato decreto ministeriale prevede inoltre che entro 6 mesi dalla sua emanazione, la Regione Veneto comunichi al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il soggetto affidatario della gestione di ciascuna ZSC ed effettui una verifica per assicurare l’allineamento tra le misure di conservazione e la banca dati Natura 2000.
Considerato che:
- dal rapporto “Living Planet 2018” del WWF e da diversi studi scientifici accreditati come quello pubblicato nel 2017 sul bollettino PNAS dell’Accademia delle Scienze USA emergono dati allarmanti sulla perdita di biodiversitÓ nel nostro pianeta;
- la perdita di biodiversitÓ Ŕ la minaccia ambientale pi¨ grave a livello mondiale in quanto causa dell’insicurezza alimentare, dell’aumento della vulnerabilitÓ ai disastri naturali, come inondazioni o tempeste tropicali, della diminuzione del livello della salute all’interno della societÓ, della riduzione della disponibilitÓ e della qualitÓ delle risorse idriche e dell’impoverimento delle tradizioni culturali;
- l’aggiornamento e il monitoraggio continuo delle aree protette esistenti possono avere un profondo impatto sul successo della conservazione della biodiversitÓ a seguito delle minacce derivanti da attivitÓ antropiche;
- la Regione Veneto Ŕ in ritardo nella programmazione delle azioni dirette alla conservazione della biodiversitÓ e nel garantire un costante monitoraggio di fauna, flora e habitat delle aree protette del suo territorio;
- i piani di gestione e gli interventi di conservazione sono strumenti fondamentali di attuazione degli obiettivi di tutela delle biodiversitÓ per il mantenimento e il ripristino degli habitat naturali e delle specie di fauna e flora selvatiche di interesse comunitario, contemperando le esigenze della tutela con quelle dello sviluppo economico, sociale e culturale nel rispetto delle particolaritÓ regionali e locali.
Tutto ci˛ premesso i sottoscritti
chiedono alla Giunta regionale

1) se sono stati comunicati al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare i soggetti affidatari della gestione delle ZSC;
2) se intende destinare adeguate risorse per l’attuazione di interventi di conservazione della biodiversitÓ e di monitoraggi della fauna e flora nelle aree protette del Veneto;
3) quali misure sono state attuate attraverso il PSR nelle aree di Rete Natura 2000 per indennizzare i proprietari gestori e gli agricoltori per la conservazione degli habitat di particolare valore ambientale.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1