Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 78 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 78

APERTURA DEL GOVERNATORE AI LEADER RELIGIOSI ISLAMICI: BLOCCARE SUL NASCERE POSSIBILI FRAINTENDIMENTI IDEOLOGICI ANCHE ALLA LUCE DEI TAGLI DI FINANZIAMENTI AI LUOGHI DI CULTO E ALLE SCUOLE PARITARIE IN VENETO

presentata il 2 dicembre 2015 dai Consiglieri Negro, Bassi, Conte e Casali


Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE il governatore Zaia ha rilasciato un’intervista e conseguenti conferme agli organi di stampa su una possibile apertura di dialogo con i leader religiosi islamici, i quali saranno invitati a partecipare al tavolo della Consulta regionale per l’immigrazione;
CONSIDERATO CHE:
- le recenti tragedie dovute agli attentati per mano di dichiarati estremisti dell’Islam hanno sollevato uno stato di agitazione e paura con conseguente rafforzamento di controlli in Italia e nel Veneto;
- per chiese, parrocchie, campanili la Regione e la maggioranza che la governa, hanno cancellato gli stanziamenti per lavori di ristrutturazione e messe in sicurezza, con il rischio di trasformare i luoghi di culto cattolici in Veneto in grandi cantieri chiusi;
- abbiamo presentato in Commissione urbanistica un progetto di Legge per l’individuazione e catalogazione degli edifici rivolti al culto per evitare, come avveniva in passato, che alcuni stabili diventino abusivamente luoghi di ritrovo per svolgere attività riservate ad un gruppo ristretto di persone all’oscuro della supervisione regionale, che non sempre si limita alla preghiera ma più genericamente alla “cultura”;
- abbiamo presentato una mozione per tutelare le scuole paritarie dell’infanzia nella nostra regione, e conseguentemente le famiglie venete che hanno il diritto di scegliere la scuola per i loro figli in un’offerta più completa e variegata possibile;
RITENUTO CHE:
- alla luce degli attentati dell’Isis che hanno colpito non solo la Francia ma il mondo intero, non hanno certamente colpa i leader religiosi islamici ma la cellula dell’Isis è una parte estremista del popolo musulmano e i terroristi hanno già dimostrato di riuscire a muoversi ed introdursi con organizzazione nonostante i controlli;
- in questo particolare momento storico è più che mai necessario agire con prudenza e tutelare i cittadini della nostra regione con anche un fronte religioso trasversale che bocci senza se e senza ma ogni tipo di violenza;
impegna la Giunta regionale
e in particolare il governatore Zaia

- a rivedere immediatamente la scelta di cancellare i fondi regionali ai luoghi di culto cattolici in Veneto e accelerare i finanziamenti dovuti alle scuole paritarie, di primaria importanza e rispetto per la cultura storica e religiosa del nostro Paese e della nostra Regione;
- a dare la massima priorità alle questioni del Veneto senza dimenticare le vittime del terrorismo fondamentalista islamico con una apertura al dialogo interreligioso solo se ci sia una chiara, precisa ed univoca condanna ad ogni atto terroristico di matrice religiosa.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1