Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 237 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 237

NUOVE ASSUNZIONI DI DIRIGENTI IN CAV SPA: LA REGIONE CHIEDA LA SOSPENSIONE DELLA PROCEDURA DI ASSUNZIONE DI COSTOSE FIGURE PROFESSIONALI

presentata il 25 maggio 2017 dai Consiglieri Finco, Rizzotto, Fabiano Barbisan, Boron, Brescacin, Calzavara, Finozzi, Gerolimetto, Gidoni, Michieletto, Montagnoli, Possamai, Sandonà, Semenzato, Villanova e Valdegamberi

Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:
- la CAV S.p.A. - Concessioni Autostradali Venete è una società costituita ai sensi dell’art. 2, comma 290, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge Finanziaria 2008);
- è una società partecipata per il 50% dalla Regione del Veneto e per l’altro 50 per cento da ANAS S.p.A.;
- il Consiglio di Amministrazione della CAV S.p.A. è composto da 5 componenti;
- l’articolo 3 dei Patti sociali della medesima società - “Composizione del Consiglio di Amministrazione”, stabilisce che la Regione del Veneto designa 3 componenti del CdA, tra i quali il Presidente del Consiglio stesso;
APPURATO che:
- la società CAV SpA ha avviato le procedure per la selezione e la relativa assunzione di:
a) 2 dirigenti;
b) 1 quadro;
c) 1 alta professionalità;
- presso la società CAV S.p.A. al momento sono in servizio circa 254 dipendenti tra cui 4 posizioni dirigenziali e un Amministratore Delegato con funzioni di fatto anche di Direttore Generale;
VISTI:
- l’avviso di selezione per profilo dirigenziale presso la Società CAV S.p.A. per la figura professionale di “Responsabile pianificazione e controllo di gestione” del 18 maggio u.s.;
- l’avviso per profilo dirigenziale presso la Società CAV S.p.A. per la figura professionale di “Responsabile legale e corporate affairs” del 18 maggio u.s.;
ATTESO che:
- con specifico riferimento al bando di selezione per il dirigente responsabile pianificazione e controllo di gestione, il relativo profilo professionale individuato non sembra, peraltro, adeguato alle esigenze e alle finalità della società CAV SpA, in quanto non è dato di sapere perché:
a) si introduce il requisito relativo all’esperienza nella negoziazione con controparti finanziarie se la CAV SpA già dispone di un Chief Financial Officer, ed inoltre se la Società ha già verosimilmente raggiunto il massimo grado di indebitamento consentito?;
b) si introduce il requisito relativo alla conoscenza degli IAS - International Accounting Standard, quando né CAV, né il socio Regione, né il socio ANAS, utilizzano gli IAS?;
c) si introduce il requisito relativo alla conoscenza delle logiche di consolidamento quando CAV non redige il bilancio consolidato?;
d) si introduce il requisito relativo alla formazione post-laurea senza specificare che detta formazione deve essere attinente alla mansione che si andrà a svolgere?;
- con specifico riferimento al bando di selezione per il dirigente responsabile legale e corporate affairs, il relativo profilo professionale individuato non sembra, peraltro, adeguato alle esigenze e alle finalità della società CAV S.p.A., in quanto non è dato di sapere perché:
a) si introduce il requisito relativo alla partecipazione ad operazioni di fusione e acquisizione, quando la stessa legge istitutiva di CAV limita drasticamente la probabilità che essa sia coinvolta in tali tipologie di operazione, e – anche nella remota ipotesi tale evento dovesse manifestarsi – risulterebbe comunque economicamente più vantaggioso avvalersi di un consulente esterno per un periodo limitato, rispetto a sostenere il costo di un dipendente con tali competenze?;
b)si introduce il requisito relativo alla formazione post-laurea senza specificare che detta formazione deve essere attinente alla mansione che si andrà a svolgere?
CONSTATATO che i suddetti avvisi di selezione sembrano in larga parte praticamente identici all’avviso di selezione per profilo dirigenziale in “Staff legal” emesso da ANAS SpA in data 13/03/2017;
RICHIAMATA la nota della Regione del Veneto prot. 433207, dell’8 novembre 2016, inviate alle proprie società partecipate, ivi compresa la CAV SpA, con cui stabilisce apposite disposizioni al fine di regolare le società a partecipazione pubblica nell’ottica di una razionalizzazione delle risorse e della tutela della concorrenza e in particolare:
a) stabilisce che “Le amministrazioni pubbliche socie devono fissare obiettivi specifici, annuali e pluriennali sul complesso delle spese di funzionamento, ivi comprese quelle del personale, delle società controllate, anche attraverso il contenimento degli oneri contrattuale e delle assunzioni di personale ...”;
b) per le assunzioni di personale, nel caso in cui sia necessario assumere dipendenti con competenze non rinvenibili tra le figure in organico, “è necessaria un’autorizzazione della Regione se la richiesta avviene entro il 23 settembre 2017, successivamente dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro”;
RICHIAMATI, altresì, gli articoli 1, 2, 4 e 8 della legge regionale 24 dicembre 2013, n. 39 , “Norme in materia di società regionali”, che stabiliscono, tra l’altro, i principi di razionalizzazione delle risorse e di contenimento dei costi;
APPURATO che le disposizioni della Regione del Veneto derivano non soltanto dall’applicazione del D.lgs. 175/2016 (c.d. Legge Madia), ma anche e soprattutto “in parte in applicazione di precedente normativa ed in parte per autonome decisioni, con proprie leggi e provvedimenti...”, come richiamato nella suddetta nota regionale;
CONSIDERATO che:
- la previsione di due nuove figure dirigenziali, di un nuovo quadro e di una alta professionalità, nell’ambito di una piccola realtà societaria come quella di CAV Spa, che già contempla ben tre 4 direttori (personale, esercizio, tecnico e amministrativo) e 6 quadri, comporta un incremento di notevole rilievo dei costi per il personale, senza che sussista un evidente motivo (soprattutto tenuto conto che la società presenta un debito di circa ottocento milioni di euro, contratto con investitori internazionali);
- non sembra esistere alcun accordo o una qualsiasi comunicazione ai soci di CAV SpA, circa la volontà di procedere all’assunzione delle figure professionali di cui sopra, atteso oltretutto i relativi consistenti costi rigidi a cui la società dovrà far fronte in un contesto in cui la stessa deve far fronte al rientro del debito di oltre 800 milioni di euro;
tutto ciò premesso
impegna la Giunta regionale

a richiedere con urgenza alla Società partecipata CAV S.p.A. la sospensione di qualsiasi procedura concorsuale per l’assunzione di altri due dirigenti, di un quadro e di una alta professionalità, poiché in organico sono già presenti quattro figure dirigenziali (oltre all’A.D.) e in quanto i relativi costi per tutte le figure professionali messe a bando, non rispondono ai principi di razionalizzazione e contenimento dei costi delle società a partecipazione pubblica.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1