Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 319 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 319

SI FACCIA CHIAREZZA SULL’INCHIESTA CHE COINVOLGE L’EX ACC COMPRESSOR SPA

presentata il 14 marzo 2018 dai Consiglieri Gidoni, Giorgetti, Ciambetti, Finco, Semenzato e Bottacin


Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:
- ACC Compressors Spa, fino al 22 dicembre 2011 denominata Elettromeccanica S.p.A., (di seguito anche solo “ACC”), è una società che progettava, produceva e vendeva compressori per frigoriferi;
- con sentenza del 28 giugno 2013 e con decreto del 27 agosto 2013 del Tribunale di Pordenone, ACC è stata dichiarata in stato di insolvenza e il dott. Maurizio Castro è stato nominato prima Commissario Giudiziale e poi Commissario Straordinario (di seguito anche solo “Commissario Straordinario”), ai sensi del D.Lgs. n. 270 dell’8 luglio 1999;
- allo scopo di far emergere le responsabilità degli ex amministratori di ACC, Luca Amedeo Ramella, Paolo Pecorella e Fausto Cosi, per il dissesto finanziario che aveva portato alla sua dichiarazione di insolvenza, il Commissario Straordinario ha presentato avanti la Procura della Repubblica di Pordenone, in data 23 dicembre 2014, una denuncia diretta a far emergere le gravi condotte di bancarotta che si ritiene siano state poste in essere dagli stessi (Procedimento Penale n. 2478/2015 r.g.n.r.);
- tuttavia, nonostante la sussistenza di significative evidenze di colpevolezza degli indagati, è giunta al Commissario Straordinario e alle Istituzioni del territorio la notizia della decisione del Procuratore di Pordenone nel senso di chiedere, con proprio atto del 15 gennaio 2018, l’archiviazione del citato procedimento;
- in risposta a tale decisione, in data 2 marzo 2018 il Consiglio di Sorveglianza Socio Istituzionale di Acc - Wanbao - organismo istituito con accordo sottoscritto in sede governativa il 4 agosto 2014 e la cui precisa natura e strutturazione sarà indicata nel prosieguo - ha approvato una nota indirizza al Presidente del Tribunale di Pordenone, al Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Trieste, ai Ministri dello Sviluppo Economico e della Giustizia, ai Presidenti delle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia e ai Prefetti di Belluno e di Pordenone, nonché al Presidente della Repubblica, avente ad oggetto la “richiesta di non archiviazione del Procedimento Penale n. 2478/2015 r.g.n.r. mod. 21” (di seguito anche solo “Nota”), con la quale tutti i componenti del Consiglio di Sorveglianza Socio Istituzionale esprimono preoccupazione rispetto alle sorti del predetto procedimento penale in riferimento alla richiesta di archiviazione dello stesso, che rischia di lasciare inevasa la domanda di giustizia proveniente dal territorio;
- la predetta Nota prot. n. 2800 è stata trasmessa ai destinatari in data 5 marzo 2018;
CONSIDERATO CHE:
- nel corso delle indagini disposte nell’ambito del citato procedimento penale per molteplici fatti di bancarotta sono stati acquisiti al fascicolo della Procura ulteriori atti che hanno confermato le iniziali prospettazioni: una relazione a firma del Commissario Straordinario, una memoria esplicativa, un’integrazione dell’iniziale atto di impulso, e soprattutto, una completa e dettagliata consulenza disposta dalla stessa Procura i cui esiti hanno evidenziato in maniera plastica le responsabilità degli amministratori del Gruppo ACC, a suo tempo denunciate;
- in particolare, come evidenziato anche nelle conclusioni della citata consulenza tecnica a firma dei Professori Pecchiani e Pogliani dell’Università Bocconi, il dott. Ramella e i membri del CdA di ACC, questi ultimi in ragione della loro condotta omissiva, hanno posto in essere pagamenti distrattivi/preferenziali per importi milionari a favore della società di consulenza AlixPartners, rappresentata dallo stesso Luca Amedeo Ramella che quindi ha operato in una situazione di manifesto conflitto di interessi, ricoprendo i ruoli di Presidente del CdA di ACC nonché di Managing Director di AlixPartners;
- le conclusioni cui pervengono i consulenti sul punto non lasciano spazio a dubbi e meritano di essere qui sinteticamente riportate: “(...) gli scriventi trovano opportuno aggiungere, in considerazione delle analisi svolte nel presente lavoro, che l’attività svolta dal Dott. Ramella palesa, nella sostanza, la volontà di differire artificiosamente il destino fallimentare delle diverse entità rientranti nel gruppo HCH con l’evidente obiettivo di garantire ed aumentare gli introiti percepibili - e di fatto percepiti - dalla società di consulenza di cui questi era rappresentante”. Gli introiti citati hanno superato i 5 milioni di euro solo nell’ultimo periodo che ha preceduto la sentenza con la quale la società è stata ammessa alla procedura dell’amministrazione straordinaria;
- al pari, in maniera incontrovertibile, è stata riscostruita la condotta di bancarotta mediante operazioni dolose nel conferimento del ramo d’azienda “compressori” da ACC S.p.a. (HCH) in Elettromeccanica S.p.a. (ACC Compressors) in cui il valore dell’asset rappresentato dal marchio ACC è stato enormemente incrementato per finalità illecite. Scrivono i consulenti: “il valore attribuito al marchio nel conferimento, dunque, appare essere il frutto di una forzatura strumentale al perseguimento delle sopra riportate finalità. Con l’operazione condizionata dal valore del marchio, ACC Compressors può iscrivere una riserva da conferimento di Euro 10.375 mila (con conseguente incremento del Patrimonio Netto). Con la medesima operazione ACC Compressors contabilizza l’eliminazione, a seguito di annullamento per confusione, del credito finanziario vantato nei confronti della controllante HCH pari a Euro 18.036 mila (credito da cash pooling). (...) Se non si fosse realizzata l’operazione in esame, ACC avrebbe dovuto svalutare il credito verso la controllante HCH, rilevando una perdita a Conto Economico (e conseguentemente a Patrimonio Netto) di Euro 18,0 milioni.”. Rilievi analoghi hanno occupato le pagine della consulenza con riferimento ad ulteriori operazioni infragruppo;
- la vicenda di ACC, precedentemente alla dichiarazione dello stato di insolvenza ai sensi dell’art. 3 del D.Lgs. n. 270 del 08.09.1999 (giugno 2013), è emblematica sotto molti profili. La stessa sottolinea innanzitutto i pericoli della finanziarizzazione dell’economia: quando è stata ceduta dal Gruppo Electrolux, ACC era un’azienda solida e profittevole, leader nel mondo per qualità dei prodotti e quota di mercato; in 10 anni, i fondi speculativi che ne sono diventati proprietari l’hanno condotta ai margini della competizione internazionale a causa di una serie ininterrotta di infelici scelte di gestione;
- la ragione di un simile fallimento sta tutta nell’incapacità di comprendere le logiche industriali di un business fatto di prodotto, di tecnologia, di servizio, di competenza, e dunque animato da strategie complesse e di lungo termine; le dinamiche a breve della finanza, la insita vocazione della stessa a cercare risultati immediati in luogo di strategie prospettiche, si sono rivelate nemiche della fabbrica di Mel, della sua tradizione di affidabilità e del suo patrimonio di esperienza;
- nel 2013, a seguito dell’ammissione di ACC alla procedura di Amministrazione Straordinaria, c’è stata una grande manifestazione che ha visto l’intero Territorio Bellunese, rappresentato dai cittadini, dalle Istituzioni, dalle parti sindacali, dalla politica e dalle Associazioni di rappresentanza economica porre il tema morale della speculazione finanziaria nella gestione dei complessi industriali come ACC sottolineando anche e soprattutto il ruolo e la responsabilità istituzionale e sociale degli Istituti di Credito;
- rispetto a tale ultimo profilo, si è infatti verificata la situazione paradossale in cui, dopo anni caratterizzati dalla più ampia disponibilità degli Istituti di Credito a finanziare copiosamente la vecchia ACC, tanto da accumulare crediti in sofferenza per circa 150 milioni senza che venissero messe in discussione anche le scelte più spericolate della proprietà, gli stessi Istituti di Credito hanno dimostrato di non voler finanziare le operazioni industriali del Commissario Castro e ciò nonostante lo stesso fosse riuscito a recuperare la fiducia dei grandi clienti internazionali dell’elettrodomestico, e ad acquisire ordini capaci di riportare al lavoro tutti i dipendenti;
- a seguito dell’ammissione di ACC alla procedura di Amministrazione Straordinaria è stato istituito il citato Consiglio di Sorveglianza Socio istituzionale fra gli enti locali che presidiano le comunità interessate alle sorti del compendio industriale di ACC Compressors, con la partecipazione dei rappresentanti delle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Belluno e dei Comuni di Mel, Belluno, Feltre, Trichiana, Lamon, Lentiai e Pordenone, coordinato dal sindaco di Mel e aperto ai parlamentari e ai consiglieri regionali dei territori coinvolti nonché alle Organizzazioni e alle Rappresentanze sindacali;
- il Consiglio - che ha ottenuto formale riconoscimento anche dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito dell’accordo sindacale sottoscritto il 4 agosto 2014 - sin dalla sua istituzione ha svolto un ruolo fondamentale nelle fasi più critiche della vicenda, promuovendo il reperimento delle risorse finanziarie per assicurare la continuità della produzione durante la gestione commissariale e adoperandosi per il mantenimento dei livelli occupazionali, durante la trattativa con l’acquirente Wanbao. Nel corso degli ultimi anni si è riunito regolarmente con il Commissario Straordinario per monitorare le principali situazioni gestionali e valutare di volta in volta le iniziative da intraprendere;
- nell’ambito di tale attività, sempre allo scopo di tutelare gli interessi dei lavoratori, le Istituzioni territoriali, attraverso il Consiglio, hanno fin da subito condiviso con la procedura di amministrazione straordinaria di ACC la necessità di perseguire le condotte illecite degli ex amministratori, manifestando la volontà di costituirsi parte civile nel relativo procedimento penale;
- il Consiglio di Sorveglianza Socio Istituzionale, a nome dell’intero Territorio bellunese ha da sempre denunciato come “spregiudicate” le condotte degli Amministratori dell’ACC Compressor e ne ha evidenziato gli effetti economicamente e socialmente dirompenti, evidenziando altresì la sussistenza di evidenti conflitti di interesse;
- al riguardo, come indicato in precedenza, devono rimarcarsi: (i) la strumentale iscrizione a bilancio del marchio artatamente gonfiato in misura di 27 milioni di euro che ha avuto l’effetto di alterare la situazione economico - patrimoniale della società in modo sensibile, consentendo che venissero illusoriamente coperte le gravissime perdite maturate e, dunque, proseguita l’attività della società pur in assenza dei suoi presupposti reali; (ii) il palese conflitto di interessi, approfittando del quale l’amministratore delegato di ACC Ramella ha attribuito a se stesso, come amministratore delegato della società di consulenza AlixPartners, ingenti emolumenti pari a 11,6 milioni di euro in tre anni;
- ma, ancora, appare fortemente censurabile che per molti anni gli amministratori espressi dai fondi - senza nessuna ragione industriale per farlo - abbiano dirottato i volumi produttivi in portafoglio dallo stabilimento bellunese di Mel allo stabilimento “gemello” di Fürstenfeld in Stiria, al solo scopo di approfittare, con un evidente “abuso di diritto”, degli ammortizzatori sociali pubblici disponibili soltanto nel nostro Paese per evitare di sostenere gli oneri del mancato impiego dei lavoratori austriaci;
- tutto ciò ha generato un “buco” gigantesco di oltre 450 milioni di euro. Si ricorda come, secondo i dati dichiarati ufficialmente nel 1972, tutte le risorse a suo tempo destinate alla ricostruzione dopo il terribile disastro del Vajont siano ammontate a 1.050 miliardi di lire, una somma sostanzialmente equivalente al “buco” di ACC. E il riferimento non è casuale: perché fu proprio grazie ai fondi di quella ricostruzione che lo stabilimento di Mel fu edificato. L’impunità sarebbe una beffa atroce per le comunità territoriali coinvolte;
- a fronte di tali evidenze, da sempre denunciate dal territorio, ha suscitato sorpresa la notizia dell’inspiegabile decisione da parte del Procuratore di Pordenone di chiedere l’archiviazione del procedimento, tanto più inspiegabile se solo si pone animo ai plurimi riscontri e alle evidenze che gli atti del procedimento hanno messo in rilievo, molti dei quali, come si è avuto modo di indicare, fondati sulle puntuali osservazioni degli esperti nominati dalla stessa Procura della Repubblica;
- nel corso di questi anni, insieme con le vicende di ACC, il territorio bellunese ha dovuto affrontare la difficile condizione di crisi di molte grandi e piccole aziende e di importanti settori economico-produttivi della Provincia e la drammatica condizione di molte lavoratrici e lavoratori che hanno perso il lavoro e che difficilmente, nel breve termine, potranno trovare una nuova collocazione. È stata ed è tuttora una vera emergenza sociale quella che la comunità sta vivendo, una emergenza che non si conosceva da tempo e che ha impegnato in questi anni gli amministratori del territorio a tentare di ricercare soluzioni immediate e solide prospettive;
impegna la Giunta regionale

1) a condividere e supportare le iniziative del Consiglio di Sorveglianza Socio Istituzionale di ACC finalizzate a promuovere, nel rispetto dei ruoli di tutti i soggetti coinvolti, la prosecuzione del procedimento penale pendente avanti la Procura della Repubblica di Pordenone e avente ad oggetto l’accertamento della responsabilità degli ex amministratori di ACC, giacché ritiene che il territorio bellunese meriti di ricevere adeguata giustizia affinché non si consumi, attraverso l’impunità di condotte che hanno arrecato danni indicibili alle comunità coinvolte, una lacerazione sociale e morale senza precedenti;
2) a garantire il proprio contributo in tutte le sedi opportune affinché si creino le condizioni, anche alla luce dell’amara vicenda del Gruppo ACC, per monitorare l’attività economica posta in essere dai fondi di private equity e per assicurare che essa sia svolta in modo corretto, rispettoso del patrimonio di competenze industriali e organizzative accumulato in decenni di sviluppo integrato nonché in modo coerente con le positive esperienze di partecipazione sociale espresse dal territorio veneto.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1