Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 426 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 426

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: LA GIUNTA REGIONALE INTERVENGA PRESSO IL GOVERNO PER EVITARNE IL DEPOTENZIAMENTO

presentata il 30 ottobre 2018 dal Consigliere Conte


Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:
- la legge 13 luglio 2015, n. 107 “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti” ha consolidato l’Alternanza Scuola-Lavoro inserendo organicamente questa metodologia didattica nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione;
- la Regione Veneto con delibera di Giunta n. 901 del 14 giugno 2016 ha approvato il Protocollo d’Intesa per l’Alternanza Scuola-Lavoro, per il biennio 2016-2018, sottoscritto con MIUR-USRV, Unioncamere, Confindustria Veneto, CONFSAL Veneto, CGIL Veneto, CISL Veneto e UIL Veneto;
- la Regione Veneto con delibera di Giunta n. 1421 del 2 ottobre 2018, ha approvato il nuovo Protocollo d’Intesa introducendo alcune modifiche migliorative, prevedendo la costituzione di Tavoli Provinciali al fine di avere un maggior raccordo tra livello regionale e quello territoriale. Inoltre, al fine di potenziare la sinergia tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro sono previste esperienze di formazione rivolte ai docenti e ai tutor aziendali;
- la legge 13 luglio 2015, n. 107, ai sensi dell’articolo 1, comma 39, prevede una spesa di 100 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2016;
- le successive leggi di bilancio statale hanno sensibilmente ridotto lo stanziamento, destinando per l’anno scolastico 2018/2019 complessivamente euro 81.474.179,51;
- il Governo ha annunciato nella “nota di aggiornamento al DEF” un’ulteriore riduzione delle risorse da destinare agli Istituti scolastici per l’Alternanza Scuola Lavoro;
CONSIDERATO CHE:
- l’Alternanza Scuola Lavoro è una metodologia didattica efficace per:
- motivare gli studenti ad apprendere, prevenire e contrastare la dispersione, gli abbandoni, gli insuccessi e i disagi, sviluppare la capacità di operare scelte autonome per il futuro;
- favorire lo sviluppo di competenze significative relative ai processi produttivi e organizzativi, al fine di favorire l’accesso al mondo del lavoro;
- l’Alternanza Scuola Lavoro rappresenta anche un’opportunità per le imprese per conoscere e formare personale maggiormente qualificato da assumere in prospettiva futura;
- ad oggi il Patto ASL coinvolge il 90 per cento delle scuole venete e più di 20.000 imprese che hanno avviato percorsi di Alternanza Scuola Lavoro;
impegna la Giunta regionale

a farsi parte attiva con il Governo, affinché siano stanziate le risorse necessarie a garantire l’Alternanza Scuola Lavoro, scongiurando il depotenziamento di questo importante strumento per avvicinare gli istituti scolastici all’impresa e conseguentemente favorire ulteriori opportunità di apprendimento per i giovani in prospettiva occupazionale.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1