Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attivitā di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 455 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 455

INTERVENTI PER IL RIPRISTINO DEL PATRIMONIO FORESTALE DEL VENETO, GRAVEMENTE DANNEGGIATO DALLA “TEMPESTA VAIA” NELL’AUTUNNO 2018

presentata il 30 gennaio 2019 dai Consiglieri Fracasso, Brusco, Ruzzante, Bartelle, Azzalin, Moretti, Pigozzo, Salemi, Sinigaglia, Zanoni, Zottis, Guarda, Berti, Baldin, Scarabel e Ferrari


Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:
- nei giorni a cavallo tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre 2018 un’ondata eccezionale di maltempo, denominata “Tempesta Vaia”, ha colpito una vasta area delle Alpi centro-orientali, investendo pesantemente il Veneto, in particolare i territori montani della provincia di Belluno (dall’Agordino al Cadore), oltre che l’altopiano di Asiago;
- le piogge incessanti e la violenza dei venti fino a 190 km orari hanno distrutto moltissimi ettari di bosco, mentre le frane hanno messo in ginocchio interi paesi, rendendo inagibili molte abitazioni e circa un centinaio di chilometri di strade;
- nello scorso mese di dicembre il presidente del Veneto, Luca Zaia, nominato Commissario per l’emergenza, ha inviato alla Comunitā europea, al direttore del Dipartimento di Protezione civile e al governo la quantificazione dei danni della “Tempesta Vaia”, che ammontano a un miliardo e 769 milioni;
VISTO CHE:
- allo stato attuale le uniche risorse certe per far fronte alla situazione sopra descritta risultano essere quelle stanziate dal governo (con Deliberazione del Consiglio dei Ministri dell’8 novembre 2018 e successiva Ordinanza di Protezione Civile n. 558 del 15 novembre 2018 “Primi interventi urgenti di Protezione Civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018”) che ammontano a 53,5 milioni di euro. Dalla ripartizione di tali risorse, al Veneto sono stati destinati 15 milioni di euro;
- nel bilancio di previsione 2019-2021 non sono state destinate risorse per gli interventi di ripristino del patrimonio forestale del Veneto;
RILEVATO CHE:
- l’articolo 12, comma 2, della sopra citata Ordinanza n. 558 stabilisce che: “I Commissari delegati sulla base delle mappature, ove disponibili, delle zone colpite provvedono, entro 5 giorni dalla data di adozione della presente ordinanza, alla individuazione degli ambiti territoriali di intervento, ove č necessaria l’immediata rimozione degli alberi abbattuti e dei materiali vegetali, ai fini della salvaguardia della pubblica e privata incolumitā (...)” e che “(...) nelle zone ove non č necessaria l’immediata rimozione degli alberi abbattuti e dei materiali vegetali ai fini della salvaguardia della pubblica e privata incolumitā, il termine di cui al primo periodo č di 60 giorni”;
- non risulta che il Veneto abbia adempiuto, nei termini previsti, ai compiti indicati dalla succitata Ordinanza, mentre in territori contermini, come ad esempio la Provincia Autonoma di Trento, č giā stato predisposto un articolato Piano di interventi per la pulizia degli ettari di bosco abbattuti ed il ripristino del patrimonio forestale;
impegna la Giunta regionale

1) a predisporre urgentemente, in analogia a quanto giā fatto dalla Provincia Autonoma di Trento, un Piano d’azione straordinario per la gestione degli interventi di esbosco e ricostituzione dei boschi danneggiati, anche sostenendo a tal fine l’attivitā vivaistica e ripristinando con la massima urgenza gli accessi alla viabilitā silvo-pastorale, indispensabili per la rimozione degli alberi abbattuti e dei materiali vegetali;
2) a predisporre una variazione del bilancio di previsione 2019-2021, al fine di destinare adeguate risorse per far fronte alle diverse emergenze, problematiche ed esigenze derivanti dall’ondata di maltempo dello scorso autunno denominata “Tempesta Vaia”.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1