Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 504 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 504

UNA LEGISLAZIONE CERTA PER GLI IMPRENDITORI CIRCENSI CHE LAVORANO CON GLI ANIMALI

presentata il 26 giugno 2019 dai Consiglieri Finco, Ciambetti, Gidoni, Sandonà


Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:
- la Regione del Veneto riconosce e sostiene la valenza dello spettacolo popolare, in cui le discipline circensi rientrano a pieno titolo;
- lo spettacolo circense è da ritenersi una forma d’arte e di intrattenimento con profonde radici storiche ed un’attuale vitalità creativa;
- la legislazione italiana in materia di detenzione ed utilizzo degli animali nel circo e negli spettacoli in generale è una delle più restrittive in Europa, ma al tempo stesso è sovente disattesa dalle istituzioni locali che tendono ad applicarla in modo restrittivo con grave danno per gli imprenditori del settore;
CONSIDERATO CHE:
- lo spettacolo circense è un settore ricco di peculiarità e ad alto tasso di evoluzione creativa che raccoglie attività estremamente diverse per tipologia e livello di complessità;
- gli spettacoli circensi sono da tempo immemore legati all’addestramento degli animali;
- l’addestramento si è evoluto con grande rapidità grazie all’apporto delle conoscenze etologiche e gli animali nel circo sono stabulati con la massima attenzione per il loro benessere;
- i controlli sulle modalità di detenzione sono stringenti e le sanzioni per chi viola le norme in materia sono giustamente severe;
- gli animali che lavorano all’interno delle strutture circensi sono nati in cattività da generazioni, molto spesso negli stessi circhi e quindi non più provenienti dallo stato di natura, se venissero reintrodotti nel loro ambiente o portati in parchi subirebbero un trauma difficilmente sanabile;
- l’addestramento rappresenta una forma articolata di instaurazione di relazioni tra l’uomo e le altre specie e bandirlo significherebbe erigere un muro tra l’essere umano e gli altri animali;
RITENUTO CHE:
- sia importante adottare una legislazione certa che permetta agli operatori del settore di migliorare la qualità della loro attività;
- il benessere animale sia oggi salvaguardato in tale attività, grazie a controlli sempre più mirati e stringenti ma senza divieti aprioristici che costituirebbero una limitazione della libertà d’azione;
tutto ciò premesso,
impegna la Giunta regionale

ad intervenire presso i ministeri competenti affinché si facciano carico di normare il settore circense, contemperando l’interesse degli imprenditori del settore e il benessere degli animali e tenendo presente che quest’ultimi costituiscono una parte fondamentale dell’attività circense.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1