Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

leggi regionali a testo vigente

Contenuti:
Legge regionale 5 settembre 2017, n. 28 (BUR n. 87/2017) (Novellazione)

Legge regionale 5 settembre 2017, n. 28 (BUR n. 87/2017) (Novellazione) [sommario] [RTF]

NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI USO DEI SIMBOLI UFFICIALI DELLA REGIONE DEL VENETO - MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 1975, n. 56 "GONFALONE E STEMMA DELLA REGIONE"

Legge di novellazione: vedi modifiche apportate alla legge regionale 20 maggio 1975, n. 56 e alla legge regionale 10 aprile 1998, n. 10 .

La Corte costituzionale, con la sentenza n. 183 del 2018, si pronuncia per la illegittimità costituzionale dell’articolo art. 7-bis, comma 2, lettere a), d), f) ed n) della legge della Regione Veneto 20 maggio 1975, n. 56 (Bandiera, gonfalone, fascia e stemma della Regione) come introdotto dall’articolo 3 comma 1 della legge regionale n. 28 del 2017 e della sua previsione di obbligo di esposizione della bandiera della Regione Veneto all’esterno degli edifici sedi delle prefetture, degli uffici periferici delle amministrazioni dello Stato e degli altri organismi pubblici, anche statali o nazionali (lettera a), all’esterno degli enti pubblici – comprensivi anche degli enti pubblici statali e nazionali – che ricevono in via ordinaria finanziamenti o contributi a carico del bilancio regionale (lettera d), sulle imbarcazioni di proprietà di organismi pubblici, e quindi anche sui natanti di proprietà di organismi statali e nazionali (lettera n), nonché ogni qualvolta sia esposta la bandiera italiana o europea (lettera f).
Osserva la Corte, dopo una ampia ricognizione storica, anche con riferimenti alla propria giurisprudenza in materia, sulla bandiera come segno distintivo della personalità dello Stato e della Repubblica e sulla disciplina in materia di uso ed esposizione, dettata, in attuazione dell’articolo 12 della Costituzione dalla legge 5 febbraio 1998, n. 22 e relativo regolamento attuativo, come la disposizione impugnata invada la competenza legislativa esclusiva dello Stato in materia di «ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali» (art. 117, secondo comma, lettera g) Cost.), atteso che le Regioni «non possono porre a carico di organi e amministrazioni dello Stato compiti e attribuzioni ulteriori rispetto a quelli individuati con legge statale»: tanto più atteso che trattasi di disposizione che la Regione del Veneto prevede di sanzionare nella sua inosservanza .
In effetti non trattasi di mettere in discussione la riconosciuta competenza delle Regioni a legiferare in materia di adozione e definizione dei simboli regionali, sulla base del generale principio di autonomia espresso dall’art. 5 Cost. (atteso che non è in discussione il potere della Regione «di scegliere i segni più idonei a distinguere l’identità stessa della collettività che essa rappresenta») ma la pretesa della Regione di imporre l’uso di tali segni ad organi ed enti che, se pure operanti nel territorio regionale, sono espressione di una collettività distinta e più vasta (cioè quella dell’intera nazione).
Non solo: la Corte ritiene fondato anche il rilievo del contrasto con l’articolo 5 della Costituzione atteso che tale articolo esclude che lo Stato-soggetto possa essere costretto dal legislatore regionale a fare uso pubblico di simboli – quali, nella specie, le bandiere regionali – che la Costituzione non consente di considerare come riferibili all’intera collettività nazionale.
Ne consegue anche, con riferimento all’articolo 8 della legge regionale 28/2017 con il quale si inserisce l’articolo 7- septies recante sanzioni per la violazione delle norme sopra richiamate, come la disposizione sanzionatoria resti applicabile esclusivamente in rapporto a fattispecie diverse da quelle dichiarate illegittime.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1