Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

rapporto sulla legislazione

Contenuti:

IL QUINTO RAPPORTO SULLA LEGISLAZIONE REGIONALE DEL VENETO

Il Rapporto sulla legislazione del Veneto si propone di documentare l'andamento dell'attività legislativa del Consiglio regionale e dei suoi organi, sulla base di un modello ormai consolidato (siamo ormai giunti in varie forme al quinto rapporto) nato dalla collaborazione con i Rapporti sulla legislazione curati dalla Camera dei Deputati e dalle Assemblee legislative regionali per il tramite della Conferenza delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome ed è articolato in dati quantitativi sulla legislazione che fanno emergere, attraverso la evidenziazione degli stessi, le caratteristiche specifiche del nostro ordinamento.

Il Rapporto costituisce uno strumento la cui elaborazione a cadenza annuale è oramai acquisita e nella sua attuale edizione, quinta in ordine di tempo, assume come riferimento la scadenza di metà legislatura (maggio 2005 - dicembre 2007), occasione per la sua edizione anche in formato a stampa oltreché essere collocato nella presente sezione, dedicata alla serie storica dei rapporti sulla legislazione, sul sito on line del Consiglio regionale del Veneto.

L'attuale rapporto si articola sostanzialmente in due parti:

  • la prima descrive i momenti caratterizzanti il processo legislativo e i suoi esiti come sviluppatisi in questa prima metà della ottava legislatura espressi in termini di dati quantitativi e statistici in raffronto con i dati delle precedenti legislature
  • la seconda parte si articola in due allegati che offrono rispettivamente una illustrazione di sintesi dei contenuti delle leggi regionali approvate e del relativo iter di esame istruttorio e di approvazione e, per la prima volta, una sintesi dello stato del contenzioso maturato in questa legislatura fra Stato e Regioni, segno di un comune, ma non sempre condiviso, percorso volto ad individuare e delimitare, e talvolta a rivendicare, ambiti e materie di intervento legislativo, alla luce del nuovo assetto di competenze delineato dalla riforma costituzionale del 2001.
Venendo in particolare alla prima parte è a sua volta suddivisa in quattro sezioni. Nella prima si compie una sintetica classificazione dell'intera produzione legislativa: da un lato si segue il criterio di classificazione per macrosettore derivato dal Rapporto della Camera dei Deputati, mentre dall'altro si affianca a questa classificazione, quella utilizzata dall'indice sistematico della banca dati delle leggi e del "Codice delle leggi della Regione del Veneto", utilizzando il criterio della prevalenza. Quanto al numero complessivo delle leggi approvate dall'inizio della prima legislatura pari a 1992, si segnala l'alto numero di leggi abrogate: 1158 su 1992, segno della persistenza della buona prassi ormai consolidata e sostanzialmente rispettata di procedere sempre e periodicamente ad abrogazioni espresse (le ultime leggi generali di abrogazione sono state la legge regionale n. 3/2004 e la legge regionale n. 18/2004 ma è all'esame dei competenti organi consiliari un nuovo progetto di legge di abrogazione). Si segnala altresì l'alto numero di leggi di novellazione pari a 170 (nelle quali per semplificazione sono state ricomprese le leggi di proroga di termini e le leggi di interpretazione autentica). È inoltre da segnalare l'alto numero di leggi che prevedono interventi attuativi in capo alla Giunta regionale, acquisito il parere della competente Commissione consiliare: ben 9 leggi su 28 nel 2006 e 13 leggi su 36 nel 2007. Sono inoltre presenti leggi che prevedono una forma di rendicontazione al Consiglio regionale: 3 nel 2005 (l.r. 13/2005 sulla caccia in deroga , l.r. 18/2005 sul servizio civile, l.r. 26/2005 sull'Istituto oncologico), 3 nel 2006 (l.r. 2/2006 (art. 8 ), sul centro regionale per la sclerosi, l.r. 6/2006 sul protocollo di Kyoto e l.r. 23 /2006 sulla cooperazione sociale) e 2 nel 2007 (l.r. 9/2007 sul coordinamento della ricerca scientifica, dello sviluppo economico e della innovazione nel sistema produttivo regionale e l.r.33/2007 in materia di soccorso alpino).

Nella seconda il criterio preso in considerazione è quello della iniziativa legislativa. In questo ambito è sempre da rimarcare una caratteristica forse tipica del Consiglio regionale del Veneto, ossia l'elevato tasso di successo dei progetti di legge di iniziativa consiliare: ben 39 (37 solo consiliari e 2 di iniziativa mista) rispetto ai 40 di iniziativa della Giunta: Merita pure attenzione l'alto numero di progetti di legge approvati all'unanimità (ben 23) e, con voti solo favorevoli e di astensione (ben 34) pari ad un totale di 57 su 80 leggi approvate.

Nella terza relativa alla iniziativa legislativa sono 291 i progetti di legge presentati al 31 dicembre 2007 (334 risultavano al 31 dicembre 2002 nella settima legislatura e 383 al 31 dicembre 1997 per la sesta legislatura). Interessante è anche la tipologia dell'iniziativa legislativa relativa all'alto numero di gruppi interi, sia di maggioranza (40) che di opposizione (48), come presentatori di progetti di legge (peraltro allo stato sono presenti in Consiglio regionale 7 monogruppi), nonché il numero di progetti di leggi presentati congiuntamente da consiglieri di maggioranza e di opposizione pari a 35.

La quarta parte riporta alcuni dati sull'attività istituzionale del Consiglio regionale, quali le sedute del Consiglio regionale e delle Commissioni consiliari, l'attività ispettiva del Consiglio regionale e le attività istruttorie (sia su progetti di legge che su proposte di deliberazioni amministrative e su pareri alla Giunta regionale) delle Commissioni consiliari.






menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1