Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

comunicati stampa

Contenuti:

Pedemontana - Zanoni (PD): "Dalla Corte dei Conti solo ombre, progetto sull'orlo di un precipizio"



(Arv) Venezia 6 ott. 2016 -      Il consigliere regionale Andrea Zanoni (PD) informa che “oggi, a Roma, si è tenuta l’adunanza della Sezione centrale di controllo della Corte dei Conti, che ha esaminato il progetto della Superstrada Pedemontana veneta”. “Ai lavori della Sezione- precisa Zanoni- erano invitati un’ottantina di soggetti, tra i quali la Giunta regionale del Veneto, Veneto Strade, Anas, diversi ministeri, una quarantina di sindaci, alcune associazioni e comitati”. “A relazionare - continua il consigliere regionale- è stato il consigliere Antonio Mezzera, mentre ha presieduto il Collegio, composto da 19 magistrati contabili, il consigliere-presidente Gaetano D’Auria”. “Erano quindi presenti- sottolinea l’esponente PD- quasi tutti i sindaci dei comuni interessati, i vari ministeri, il Commissario straordinario, la SIS, i rappresentanti del Covepa e del Parco delle Rogge, la Regione Veneto e molti altri soggetti interessati”.
“Le prime informazioni giunte dall’adunanza della Corte dei Conti- dichiara il vicepresidente della Commissione Ambiente- aumentano le ombre che incombono su questo progetto, in primis relativamente al mancato reperimento dei finanziamenti dell’opera”. “Tant’è che il magistrato contabile, Consigliere Relatore Antonio Mezzera- prosegue Zanoni- ha citato una lettera della Cassa Depositi e Prestiti dalla quale emerge che alle attuali condizioni ‘non sussistono le caratteristiche per attivare i propri interventi’ e ha commentato che di fatto ‘la CDP se ne tira fuori’”. “Questo è un progetto sull’orlo di un precipizio- afferma il consigliere regionale- e i veneti stanno raccogliendo i frutti di anni di deficit di trasparenza sugli atti fondamentali”. “Mi riferisco in particolare - precisa Zanoni - alle convenzioni economico finanziarie secretate dal Commissario Vernizzi, lo stesso che da più di due mesi evita di venire in audizione in II^ Commissione per rispondere alle domande dei consiglieri regionali”. “Mi auguro che il Governo- conclude Andrea Zanoni- ponga presto fine al commissariamento, visto come è stato gestito questo project financing, oggi contestato, da cima a fondo, dalla Corte dei Conti.  E non ci si dimentichi che centinaia di espropriati dei loro beni non sono ancora stati pagati”.
 
 


/1478


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1