Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Maxiemendamento. La prima commissione da il via libera al pdl 11: soppresso l'art.70 della legge 6.2015



 9 settembre 2015 - Con un voto a larghissima maggioranza – nel quale si sono astenuti i consiglieri riconducibili all’area PD, mentre Giovanna Negro, di area tosiana, ha espresso voto contrario – è stata giudicata favorevolmente stamane in Prima Commissione il Pdl n.11, la proposta Zaia, Finco e Rizzotto relativa alla "Razionalizzazione della spesa regionale". Il progetto, che è stato discusso stamane in Commissione alla presenza dell’assessore al bilancio Gianluca Forcolin, sopprime alcuni articoli di spesa inseriti nella legge regionale 27 aprile 2015, n. 6, Legge di stabilità regionale per l'esercizio 2015. In particolare il Pdl prevede la soppressione dell’art.70, “interventi per il sostegno e la ripresa economica del Veneto”, che prevedeva finanziamenti per 50.730.994euro (15.741.539,00 per l'esercizio 2015, con le risorse allocate all'upb U0009 "Contributi e partecipazioni in enti e associazioni"; e 34.989.405,00euro con le risorse allocate all'upb U0007, "Trasferimenti agli enti locali per investimenti").

Con il Pdl 11 viene in pratica cancellato il cosiddetto “maxiemendamento” alla finanziaria, e quasi tutti gli interventi in commissione (Azzalin, Ruzzante, Rizzotto, Pigozzo, Sinigaglia, Berlato, Barison, Finco, Montagnoli; voce dissonante quella di Giovanna Negro) hanno confermato la propria posizione favorevole alla nuova legge che – nelle parole di Barison – “ripristina un principio di giustizia ed equità nella distribuzione delle risorse regionali”.
 
Al gruppo PD, che nel dibattito stamane ha fortemente chiesto chiarezza e immediato impegno dei sei milioni “previsti per le disabilità sensoriali”, l’assessore ha assicurato un immediato emendamento apposito al Pdl 11, che quindi andrà all’Ordine del giorno del prossimo Consiglio Regionale confermando le necessarie risorse per continuare a sostenere le attività di istruzione in questa importante fascia di disagio sociale. “Ci siamo astenuti oggi sul Pdl”; ha detto Stefano Fracasso, vicepresidente della Commissione, “solo per essere certi che la settimana prossima avremo un testo finale comprendente quell’impegno di spesa di sei milioni sul disagio sociale. Per il resto siamo assolutamente favorevoli a questo ripristino di trasparenza nella spesa: avevamo votato contro quello che i giornali hanno definito ‘legge marchetta’ e quindi anche oggi plaudiamo ad una legge che è implicitamente anche un giudizio politico nei confronti di coloro che nella maggioranza hanno fatto campagna elettorale sulla base di quell'emendamento”
 
“Con questo testo abbiamo avviato il percorso di abrogazione di quel famigerato articolo 70”, ha concluso il presidente della Commissione, Marino Finozzi, che prevedeva una sorta di lista dei sogni approvata prima delle elezioni, un testo che aveva di fatto promesso regalie a moltissimi, solamente per scopi elettorali. Noi abbiamo approfondito questo argomento con serietà e crediamo che quelle risorse – 50milioni di euro sono una somma importantissima - debbano essere oggi impegnate su questioni che hanno una particolare urgenza di avere delle risposte concrete”.
 


Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1