Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Grandi navi. Moretti (PD): Perdite per 40 milioni nel 2015. La soluzione deve essere trovata.



11 settembre 2015 - "È necessario chiudere al più presto la partita ‘grandi navi’. E' questa la richiesta che ho rivolto al Governo per risolvere un problema che si sta trascinando da tanto, troppo tempo", così afferma Alessandra Moretti ( PD), dopo un incontro presso il ministero per le Infrastrutture e i Trasporti. "Ho quindi sollecitato i ministeri competenti a concorrere per l’individuazione di una soluzione in tempi rapidi, tenuto anche conto che il decreto Clini-Passera ha esaurito la sua funzione", continua Moretti.

 
"E’ arrivato il momento di trovare una soluzione definitiva che tuteli in primis la città, il suo delicato equilibrio ambientale e il suo patrimonio storico-artistico, ma anche l'indotto occupazionale e il comparto produttivo che investe non solamente la nostra regione ma tutto l'Adriatico. Gli ultimi dati a disposizione parlano di una diminuzione di 250 mila passeggeri, cosa che ha provocato una perdita, solo nell’ultimo anno, di oltre 40 milioni di euro di spesa diretta nel comparto, mettendo in crisi il sistema portuale nel suo complesso. Questa situazione d'impasse è deleteria per tutti: per Venezia, che non può più permettersi che le grandi navi attraversino il cuore della città, e per le compagnie di crociera, che hanno necessità di programmare con almeno due anni di anticipo il loro calendario”.
 
“Allo stato attuale, previa ovviamente la valutazione di impatto ambientale, mi sembra che la soluzione del canale Vittorio Emanuele, su cui punta anche il sindaco Brugnaro, riesca a coniugare e tutelare la salvaguardia ambientale, i posti di lavoro, la stazione marittima e l’indotto economico. Sono finiti i tempi delle proposte fumose: l'orizzonte è cambiato e su questo il governo non transige. Soprattutto verso chi esita e rimpalla responsabilità, scegliendo di non decidere”, conclude l'esponente del Pd.
Da parte sua il capogruppo del Pd in Consiglio comunale di Venezia, Andrea Ferrazzi, evidenzia che “non è più procrastinabile una decisione strutturale di lungo periodo che coniughi rispetto ambientale e sviluppo del porto e dei posti di lavoro. La soluzione del Vittorio Emanuele, può essere la via per risolvere velocemente la questione. Insieme alla Capogruppo in Consiglio regionale, Alessandra Moretti, lavoreremo con il Governo, la Regione e il Comune perché non si perda altro tempo".

 



Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1