Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Toni Venzo e Marco Martalar donano al Consiglio regionale del Veneto la loro opera 'Acqua e Fuoco'



Venezia, 9 luglio 2019  - Toni Venzo Marco Martalar, i due artisti protagonisti di "4444 Acqua e Fuoco” mostra antologica ospitata nella scorsa primavera a Venezia tra palazzo Ferro Fini e Ca’ Rezzonico, in cui narravano tra scultura, arte contemporanea e storia, il legame con le proprie radici e con la propria terra, in un percorso che si sviluppava dall'Altipiano dei Sette Comuni, a Bassano fino a Venezia, hanno voluto donare quest’oggi, nel corso di una breva ma suggestiva cerimonia, al Consiglio regionale del Veneto una loro opera, “Acqua e Fuoco” che va “ad arricchire il patrimonio di testimonianze d’arte contemporanea dell’assemblea legislativa regionale - come ha detto Roberto Ciambetti, Presidente del Consiglio Regionale del Veneto - Dopo figure come Romano Vio, Murer o Nancy Genn anche Toni Venzo e Marco Martalar hanno voluto donare alla ‘casa dei veneti’ un’opera d’arte nel ricordo di una esposizione che ebbe un valore straordinario. 4444 Acqua e Fuoco, partiva dai 4444 scalini che da Calà del Sasso dall’Altipiano di Asiago conducono per la Val Frenzela a Valstagna, lungo un sentiero realizzato attorno al 1398 sotto la signoria di Gian Galeazzo Visconti: una lunghissima scalinata, scavata per grandi tratti nella roccia, fiancheggiata da una canaletta selciata concava per la quale venivano divallati i tronchi. Quello non era l’unico sentiero di questo tipo studiato per trasportare a valle dall’Altipiano dei Sette Comuni il legname. Lungo questi sentieri il pensiero corre ai nostri boschi e al disastro del ciclone Vaia, che sconvolse per sempre il nostro territorio montano. Quella mostra, come oggi questo dono, sono un omaggio alla nostra terra ferita, alla nostra fragilità, alla nostra storia, quasi un monito. Le ferite passeranno, ma domani passando davanti a quest’opera d’arte ricorderemo non solo la genialità dei nostri due maestri ma anche la storia e la cronaca che essi hanno voluto raccontarci.”



Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1