Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Politica - Via libera all'unanimitÓ al PdL n. 412: "Interventi regionali in materia di donazioni in sanitÓ"



9 luglio 2019 - Nella seduta odierna, il Consiglio regionale del Veneto ha approvato all’unanimità, con 45 voti favorevoli, il Progetto di Legge n. 412 ‘Interventi regionali in materia di donazioni in sanità’, di cui è primo firmatario la consigliera Sonia Brescacin (ZP), e che era stato licenziato a maggioranza dalla Quinta Commissione.

Nel corso dell’illustrazione, la Consigliera Brescacin ha ricordato che con questa proposta di Legge si vuole valorizzare il ruolo dei cittadini, in applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale, di cui all'articolo 118, ultimo comma, della Costituzione, nella consapevolezza che, per il perseguimento degli interessi pubblici rilevanti, come quello della salute delle persone, sia assolutamente necessario l'apporto di tutte le componenti sociali. E ciò anche per raggiungere l'obiettivo di una migliore sostenibilità, anche economica, degli interventi in sanità e per migliorare la qualità dei servizi sanitari resi agli utenti, in coerenza con la programmazione regionale socio-sanitaria. Nello specifico, la proposta di Legge detta disposizioni, nel rispetto della disciplina statale, in materia di donazioni e atti di liberalità a favore di Ulss, Aziende Ospedaliero Universitarie Integrate, Istituto Oncologico Veneto, Enti Pubblici che afferiscono al settore sanitario, socio-sanitario e sociale operanti nel territorio regionale. Si tratta di atti che, con spirito di generosità, determinano un arricchimento patrimoniale in favore degli Enti suddetti a fronte di un contributo del donante, ad esempio per l'acquisto di un mammografo, piuttosto che di un ecografo o ancora di una TAC o di altra strumentazione tecnologica ad uso sanitario. Lo spirito della Legge muove dalla necessità di contemperare l'atto di generosità con il rispetto della programmazione regionale in ambito sanitario, sociosanitario e sociale, nonché di tenere nella dovuta considerazione i bisogni dell'Ente e la congruità dell'oggetto della donazione con i medesimi, gli effetti della donazione in termini economici e organizzativi aziendali e l'offerta di garanzie per la massima trasparenza nella procedura. Tutto ciò al fine di migliorare, come già evidenziato, la qualità dei servizi resi all'utenza. La Legge, oltre che promuovere le donazioni in sanità, vuole introdurre una disciplina uniforme sul territorio regionale per quanto riguarda gli atti di liberalità a favore degli Enti che afferiscono al settore sanitario, socio-sanitario e sociale, che garantisca la massima trasparenza e l'assenza di conflitti di interesse tra donante ed ente destinatario, lasciti e legati testamentari, trasparenza e pubblicità, lasciando alla competenza della Giunta regionale la determinazione del limite delle donazioni di modico valore, l'individuazione delle strutture degli Enti nelle varie fasi del procedimento, nonché della modulistica relativa alle donazioni e alle raccolte fondi.

La Correlatrice, Patrizia Bartelle (IiC) ha sottolineato, tra l’altro, come l’incentivazione del ricorso alle donazioni in sanità, se da un lato favorisce le iniziative di informazione e formazione in tema di salute e promuove la partecipazione attiva dei cittadini al rinnovamento dei macchinari medici in servizio negli ospedali regionali, in realtà, dall’altro lato, il dettato normativo che prevede che i vari enti pubblichino elenchi di beni, ad esempio di liste di macchinari, certificherebbe quelle che si presentano come reali mancanze delle diverse strutture sanitarie.

Il Consigliere Claudio Sinigaglia (Partito Democratico), ma anche la Vicecapogruppo Orietta Salemi, hanno evidenziato come la disciplina delle donazioni contenuta nella proposta non comporta particolari ostacoli in linea di principio, ma la scelta di disciplinare attraverso lo strumento legislativo aspetti di natura regolamentare rischia di irrigidire uno strumento che, in ogni caso, anche sulla base di esperienze particolari, deve comunque ricevere una disciplina legislativa.

 



Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1