Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Politica - Via libera a maggioranza al PdL n. 401 "Norme per la promozione della conoscenza dei circuiti di compensazione multilaterale e complementare su base regionale"



9 luglio 2019 - Nella seduta odierna, il Consiglio regionale del Veneto ha approvato, con 32 voti favorevoli e 6 astenuti, il Progetto di Legge n. 401 ‘Norme per la promozione della conoscenza dei circuiti di compensazione multilaterale e complementare su base regionale’, già licenziato all’unanimità dalla Terza Commissione, di cui il Consigliere Antonio Guadagnini (Siamo Veneto) è primo firmatario, e che è stato illustrato in Aula dal Consigliere Simone Scarabel (Movimento 5 Stelle). Il progetto di Legge vede la Regione intervenire per diffondere la conoscenza e promuovere l'utilizzo dei circuiti dì compensazione, prevedendone, a salvaguardia della autonomia privata fra le parti, l'adesione volontaria, ma anche stabilendo ì parametri cui conformarsi per la iscrizione nella sezione dedicata del sito web istituzionale, a garanzia e tutela dell’affidamento degli aderenti. Si trae spunto dall’esperienza maturata già in diverse regioni italiane, in ordine alla creazione di un circuito di compensazione multilaterale e complementare per lo scambio di beni e servizi. I nomi Sardex, Valdex, Piemex, Linx, Marchex, Liberex, Umbrex Venetex, sono le esperienze per trovare nuovi sbocchi a fronte di una crisi finanziaria persistente e un esempio di "social innovation": un modello che combina un nuovo tipo di economia, tra elementi consolidati e aspetti innovativi; lo scambio, in regime di compensazione, di servizi e competenze e che tende a svilupparsi in particolare nelle fasi avverse del ciclo economico. E' un sistema, ad adesione volontaria, capace di connettere le imprese dello stesso territorio e della stessa regione, in grado di promuovere i loro prodotti attivando nuovi canali fiduciari fra imprese che si fanno credito reciprocamente, partecipando mutualmente alla stessa camera di compensazione. Il fine è quello di abbattere i costi degli ordinari canali dì finanziamento, atteso che lo scambio non avviene tramite il corrispettivo dì un prezzo, e quindi non richiede la disponibilità dì liquidità, ma tramite il reciproco trasferimento della proprietà di cose o della titolarità di diritti, in un regime di economia reale che riduce la necessità di intermediazione del circuito creditizio. - See more at:



Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1