Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Politica - Il Consiglio regionale approva il Pdl sulla tutela delle prestazioni professionali e l'equo compenso.



3 settembre 2019 - Il Consiglio regionale del Veneto, nel corso della seduta odierna, ha approvato all’unanimità le “Disposizioni in materia di tutela delle prestazioni professionali e di contrasto all'evasione fiscale” contenute nel testo unificato dei Progetti di legge n. 431, primo firmatario e relatore per l’Aula il Consigliere della Lega Nord Alessandro Montagnoli - correlatore, la Consigliera del Partito Democratico Francesca Zottis - e utilizzato come base del testo unificato che ha fatto sintesi anche dei Pdl n. 417 presentato dal Consigliere di Centro Destra Veneto - Autonomia e Libertà Andrea Bassi, e n. 418, primo firmatario, il Consigliere della Lega Nord Maurizio Colman.

In estrema sintesi, il Progetto di legge è finalizzato a disciplinare medianti atti d’indirizzo che saranno adottati dalla Giunta regionale, il diritto all'equo compenso per le prestazioni professionali e il contrasto all'inserimento di clausole vessatorie nell'esecuzione degli incarichi conferiti ai professionisti dalla Regione, dagli Enti strumentali e dalle società controllate, nel rispetto del Codice dei contratti pubblici. Viene considerato ‘equo’ il compenso che risponde a due requisiti concorrenti e non alternativi: la proporzionalità alla quantità e alla qualità del lavoro svolto e al contenuto e alle caratteristiche della prestazione, e la conformità ai parametri previsti dalle disposizioni ministeriali in materia. In conformità a quanto previsto dalla normativa nazionale, quindi, l'obiettivo sostanziale è quello di far fronte al fenomeno dello svilimento della figura del libero professionista (i dati ISTAT sulla rilevazione sulle forze di lavoro documentano che nel Nord Italia il numero di liberi professionisti nel 2017 ammontava a 733,4mila lavoratori) prevedendo compensi non correttamente parametrati alla qualità e quantità delle prestazioni richieste o addirittura compensi simbolici.

Nel corso dei rispettivi interventi, il correlatore, la Consigliera Zottis, ha auspicato il periodico monitoraggio dell’applicazione della legge, che si occupa di tematiche di rilevanza nazionale, mentre i Consiglieri Colman e Bassi hanno sottolineato in particolare l’importanza della fase preparatoria del Pdl, che è stata caratterizzata dalla condivisione con gli ordini professionali.

 



Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1