Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

SanitÓ - "Via libera alle audizioni in Quinta Commissione dopo l' illustrazione del Progetto di Legge della Giunta n. 458 'Interventi a sostegno delle famiglie e della natalitÓ"



5 settembre 2019  -  Nella seduta odierna della Quinta Commissione consiliare permanente, presieduta da Fabrizio Boron (ZP), con Vicepresidente Fabiano Barbisan (CDV), è stato illustrato, alla presenza dell’Assessore Lanzarin, il Progetto di Legge della Giunta n. 458 “Interventi a sostegno delle famiglie e della natalità”, che è stato redatto con la partecipazione attiva del Forum Famiglie. La Commissione ha  proposto l’abbinamento del PdL n. 458 con il PdL n. 178, di iniziativa del consigliere Villanova (ZP), che tratta una materia affine. Ora la Commissione Sanità ospiterà le audizioni con i soggetti portatori di interesse, al fine di confrontarsi con loro su una proposta normativa molto importante per i cittadini, anche in vista di eventuali modifiche al testo.

In sintesi, il PdL va cerca di intervenire per quanto possibile sui dati anagrafici, sulle  problematiche delle famiglie e vuole rilanciare la natalità. La Regione, nell'osservanza dei principi sanciti dagli articoli 2, 29 e 30 della Costituzione, dall'articolo 6, comma 1, lettera n) dello Statuto del Veneto e dalla Convenzione sui diritti del fanciullo, firmata a New York il 20 novembre 1989, ratificata ai sensi della legge 27 maggio 1991, n. 176, promuove e persegue una politica organica e integrata volta a riconoscere e sostenere la famiglia nel libero svolgimento delle sue funzioni sociali; promuove la natalità come valore da perseguire anche con strumenti di sostegno delle politiche familiari; persegue un ruolo di coordinamento delle politiche settoriali al fine di realizzare un sistema più ampio e integrato di politiche strutturali a sostegno della famiglia, della genitorialità e della natalità. Inoltre, in attuazione dei principi di sussidiarietà verticale e orizzontale, la Regione e gli Enti Locali, con l'obiettivo di rafforzare la coesione sociale dei territori, promuovono il coinvolgimento e la valorizzazione del Terzo Settore, dell'associazionismo familiare e degli operatori economici, nonché la partecipazione attiva di cittadini e famiglie favorendo esperienze di autorganizzazione.

Sono stati votati i seguenti Pareri alla Giunta: Parere n. 446 “Estensione e rilascio di nuovo accreditamento istituzionale - Conclusione dei procedimenti avviati da titolari di strutture sanitarie private, a valere dall'anno 2020”. Il provvedimento è stato votato a maggioranza, senza voti contrari; Parere n. 447 “Autorizzazione all’Azienda ULSS n. 2 Marca Trevigiana per la costituzione di diritto di superficie a favore dell’Istituto Oncologico Veneto - Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IOV - IRCSS) ai fini della realizzazione di quattro bunker destinati ai trattamenti radioterapici presso il Presidio Ospedaliero San Giacomo di Castelfranco Veneto”, ai sensi dell’articolo 5 del D.Lgs. 502/92. Il provvedimento è stato votato all’unanimità; Parere n. 452 ‘Autorizzazione all’Azienda ULSS n. 2 Marca Trevigiana. alla costituzione di diritto di servitù in favore di ENEL Distribuzione S.p.a. in Treviso’, ai sensi dell’articolo. 5 del D. Lgs. 229/1999. Il Provvedimento è stato approvato a maggioranza, senza voti contrari.

Via libera a maggioranza, senza voti contrari, al Progetto di Legge n. 446, primo firmatario Riccardo Barbisan (LN), che modifica e integra la L.R. 10 agosto 2012, n. 29, ‘Norme per il sostegno delle famiglie monoparentali e dei genitori separati o divorziati in situazione di difficoltà’, già illustrato e munito del parere favorevole della Prima Commissione. La proposta normativa va ora all’esame dell’aula consiliare, con Relatore Riccardo Barbisan, Correlatore Bruno Pigozzo.

In sintesi, con questa proposta normativa, la Regione vuole rispondere alle esigenze di un elevatissimo numero dì cittadini del territorio del Veneto che si trovano in situazione dì difficoltà a seguito di separazione o divorzio in presenza di figli minori. Si dispone che tutte le informazioni degli Uffici regionali, degli Enti del Servizio Sanitario Regionale, degli Enti strumentali e degli organismi sottoposti al controllo e vigilanza della Regione, relative a un minore per il quale sia stato emesso provvedimento di affido condiviso, siano comunicate ad entrambi i genitori; a tale scopo, gli enti succitati dovranno adeguare i loro procedimenti al fine dì garantire il diritto alla bi- genitorialità, di cui alla Legge 8 febbraio 2006, n. 54. La Regione del Veneto promuove, altresì, ulteriori azioni volte a una corretta informazione ad entrambi i genitori sulla situazione scolastica e tutte quelle informazioni dì rilievo amministrativo sulle condizioni dei figli minori, attraverso l'attivazione su base volontaria, dì appositi protocolli dì intesa con le istituzioni scolastiche e gli Enti Locali.

 



Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1