Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

progetti di legge

Contenuti: Progetto di Legge Regionale n. 361 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
X LEGISLATURA


199ª Seduta pubblica – Martedì 15 gennaio 2019 Deliberazione legislativa n. 5

OGGETTO: PROPOSTA DI LEGGE D'INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI MICHIELETTO, RIZZOTTO, BORON, GIDONI, SANDONÀ, SEMENZATO, VILLANOVA, FINCO, FORCOLIN, POSSAMAI, FERRARI, ZOTTIS, SALEMI, SCARABEL, DALLA LIBERA E MONTAGNOLI RELATIVA A "ISTITUZIONE DELLA "GIORNATA IN RICORDO DELLA TRAGEDIA DEL VAJONT" E DEL RICONOSCIMENTO "MEMORIA VAJONT"".
(Progetto di legge n. 361)

IL CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO


VISTA la proposta di legge d'iniziativa dei consiglieri Michieletto, Rizzotto, Boron, Gidoni, Sandonà, Semenzato, Villanova, Finco, Forcolin, Possamai, Ferrari, Zottis, Salemi, Scarabel, Dalla Libera e Montagnoli relativa a "Istituzione della "Giornata in ricordo della tragedia del Vajont" e del riconoscimento "Memoria Vajont"";

UDITA la relazione della Sesta Commissione consiliare, relatore il consigliere Gabriele MICHIELETTO, nel testo che segue:

"Signor Presidente, colleghi consiglieri,
Vajont è il nome di un torrente che scorre nella valle di Erto e Casso e confluisce nel Piave, di fronte a Longarone e Castellavazzo, in provincia di Belluno.
Oggi, però, è soprattutto il nome di una tragedia e il ricordo di una data: quella del 9 ottobre 1963, quando, alle ore 22,39, una enorme frana di circa 260 milioni di metri cubi di rocce e detriti si staccò dal monte Toc, su un fronte di 2.000 metri. In pochi istanti la frana precipitò nel lago artificiale, formato da una diga, sollevando una massa d'acqua di circa 50 milioni di metri cubi.
L'onda che si formò travolse Longarone e le altre località vicine, i cui abitanti non ebbero il tempo di fuggire per mettersi in salvo: morirono 1.910 persone.
La Regione del Veneto con l'approvazione della legge regionale 3 ottobre 2003, n. 18 , ha costituito, assieme al Comune di Longarone, all'Edison S.p.A. e all'ENEL S.p.A., una Fondazione denominata "Vajont 9 ottobre 1963" ONLUS con lo scopo di promuovere sia le attività di ricerca e studio per evitare il ripetersi di questi disastri idro geologici, sia progetti mirati al sostegno psicologico dei parenti delle vittime e dei superstiti.
Con vivo disappunto e amarezza si constata che all'anniversario della catastrofe, nessuno dei principali media, soprattutto nazionali, accenna alla tragedia, ai quasi due mila morti e al dramma dei superstiti. E con maggior dispiacere e stupore si riscontra che la ricorrenza risulta ignorata dalle pagine web de "Accade oggi: 9 ottobre" curate da Rai Storia. Quelle pagine danno conto del 9 ottobre 1907, giorno di nascita del regista di Monsieur Hulot, del 9 ottobre 1940, giorno di nascita di John Lennon, "l'anima" dei Beatles, del 9 ottobre 1944: giorno dell'incontro di Churchill e Stalin, nonché data del "Patto delle percentuali", del 9 ottobre 1958, data di morte di Pio XII, "il Papa controverso", del 9 ottobre 1962, data dell'"Uganda indipendente", del 9 ottobre 1967, data di morte del Che Guevara, "il Rivoluzionario", nonché di nascita della Repubblica Khmer, in Cambogia, del 9 ottobre 1982, data dell'attentato alla sinagoga di Roma. Ma, incredibilmente, alcuna menzione fanno del 9 ottobre 1963, data della sciagura del Vajont.
Per questo, con l'odierna proposta di legge - articolo 1 - si dispone l'istituzione della "Giornata in ricordo della tragedia del Vajont", che dal 2019 ricorrerà il 9 ottobre, "al fine di commemorarne le vittime, esprimere solidarietà ai comuni che furono colpiti dall'evento ed ai superstiti, sensibilizzare la comunità regionale e le istituzioni al tema del disastro ambientale provocato dall'uomo e promuoverne la prevenzione.".
All'articolo 2, si dispone che la Giunta regionale, col parere della competente commissione consiliare, disponga annualmente un programma di interventi celebrativi con cui, in particolare (comma 1):
"a) promuove iniziative per mantenere viva la memoria del Vajont, in collaborazione con autonomie locali ed altri enti pubblici, con gli istituti del sistema educativo di istruzione e formazione, le università, gli enti culturali e le associazioni interessate;
b) concorre, mediante la concessione di contributi, alla realizzazione di ricerche, filmati, pubblicazioni, giornate di studio, mostre e manifestazioni aventi ad oggetto il tema della Giornata;
c) prevede l'indizione di avvisi per la premiazione di tesi di laurea sulla "Memoria del Vajont", perché il ricordo del disastro ambientale del Vajont rimanga vivo nei giovani a promuovere consapevolezza del corretto rapporto dell'intervento umano sull'ambiente e sul territorio.".
Segue, all'articolo 3, la norma finanziaria che stanzia, ai fini di copertura degli oneri derivanti dall'applicazione dell'articolo 2 50.000,00 euro per l'esercizio finanziario 2019, mentre per gli esercizi successivi si provvederà nei limiti degli stanziamenti annualmente autorizzati dalle rispettive leggi di bilancio.
Sulla proposta di legge la Sesta Commissione consiliare, nella seduta del 9 gennaio 2019, ha espresso all'unanimità (presenti il presidente Villanova del Gruppo consiliare Zaia Presidente, il consigliere Colman del Gruppo consiliare Liga Veneta-Lega Nord, il consigliere Barbisan del Gruppo consiliare Centro Destra Veneto-Autonomia e Libertà, il consigliere Barison del Gruppo consiliare Fratelli d'Italia - Movimento per la cultura rurale, il consigliere Dalla Libera del Gruppo consiliare Veneti Uniti, il consigliere Ferrari del Gruppo consiliare Alessandra Moretti Presidente, Salemi del Gruppo consiliare Partito Democratico, Baldin del gruppo consiliare Movimento 5 stelle, Negro del Gruppo consiliare Veneto Cuore Autonomo) parere favorevole alla sua approvazione da parte del Consiglio regionale.";

ESAMINA e VOTA, articolo per articolo, la proposta di legge composta di n. 3 articoli;

PRESO ATTO che la votazione dei singoli articoli ha dato il seguente risultato:

Art. 1

Assegnati n. 51
Presenti-votanti n. 38
Voti favorevoli n. 38

Art. 2

Assegnati n. 51
Presenti-votanti n. 40
Voti favorevoli n. 40

Art. 3

Assegnati n. 51
Presenti-votanti n. 41
Voti favorevoli n. 41

IL CONSIGLIO REGIONALE

APPROVA quindi la legge nel suo complesso nel testo che segue:
ISTITUZIONE DELLA "GIORNATA IN RICORDO DELLA TRAGEDIA DEL VAJONT" E DEL RICONOSCIMENTO "MEMORIA VAJONT"

Art. 1 - Istituzione della "Giornata in ricordo della tragedia del Vajont".
1. È istituita la "Giornata in ricordo della tragedia del Vajont", al fine di commemorarne le vittime, esprimere solidarietà ai comuni che furono colpiti dall'evento ed ai superstiti, sensibilizzare la comunità regionale e le istituzioni al tema del disastro ambientale provocato dall'uomo e promuoverne la prevenzione.
2. A decorrere dal 2019 la celebrazione della "Giornata in ricordo della tragedia del Vajont" ha luogo annualmente il 9 ottobre.
Art. 2 - Programma degli interventi.
1. La Giunta regionale, sentita la competente Commissione consiliare, stabilisce annualmente il programma degli interventi per la celebrazione della "Giornata in ricordo della tragedia del Vajont" ed in particolare:
a) promuove iniziative per mantenere viva la memoria del Vajont, in collaborazione con autonomie locali ed altri enti pubblici, con gli istituti del sistema educativo di istruzione e formazione, le università, gli enti culturali e le associazioni interessate;
b) concorre, mediante la concessione di contributi, alla realizzazione di ricerche, filmati, pubblicazioni, giornate di studio, mostre e manifestazioni aventi ad oggetto il tema della Giornata;
c) prevede l'indizione di avvisi per la premiazione di tesi di laurea sulla "Memoria del Vajont", perché il ricordo del disastro ambientale del Vajont rimanga vivo nei giovani a promuovere consapevolezza del corretto rapporto dell'intervento umano sull'ambiente e sul territorio.
Art. 3 - Norma finanziaria.
1. Agli oneri derivanti dall'applicazione dell'articolo 2 della presente legge, quantificati in euro 50.000,00 per l'esercizio finanziario 2019, si fa fronte con le risorse allocate nella Missione 05 "Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali", Programma 02 "Attività culturali e interventi diversi nel settore culturale", Titolo 1 "Spese correnti", la cui dotazione è aumentata riducendo contestualmente le risorse di cui all'articolo 20 della legge regionale 29 novembre 2001, n. 39 , allocate nella Missione 20 "Fondi e accantonamenti", Programma 03 "Altri fondi", Titolo 1 "Spese correnti" del bilancio di previsione 2019-2021.
2. Per gli esercizi successivi si provvede nei limiti degli stanziamenti annualmente autorizzati dalle rispettive leggi di bilancio, ai sensi di quanto disposto dall'articolo 4 della legge regionale 29 novembre 2001, n. 39 "Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione" e successive modificazioni.

Assegnati n. 51
Presenti-votanti n. 41
Voti favorevoli n. 41

IL CONSIGLIERE-SEGRETARIO
f.to Simone Scarabel

IL PRESIDENTE
f.to Bruno Pigozzo

INDICE

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1