Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta immediata n. 17 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 17

LA REGIONE VENETO INTERVENGA A SOSTEGNO DEI LAVORATORI DELLE FILIALI VENETE DELLA MULTINAZIONALE TNT EXPRESS ITALIA A RISCHIO LICENZIAMENTO

presentata il 23 luglio 2015 dai Consiglieri Ruzzante, Moretti, Dalla Libera, Ferrari, Azzalin, Fracasso, Guarda, Pigozzo, Salemi, Sinigaglia, Zanoni e Zottis


Premesso che:
- il 20 luglio scorso si è svolto in tutta Italia lo sciopero del personale TNT Express, diretto ed indiretto (drivers e facchinaggio), contro la scelta unilaterale dell’azienda di aprire una nuova procedura di licenziamento collettivo per 239 esuberi, di cui 18 nel Veneto, individuati nelle filiali di Padova, Verona, Venezia, Treviso e Vicenza. Le iniziative che si sono svolte durante tutta la giornata, anche attraverso l’allestimento di presidi davanti alle diverse filiali, hanno avuto una buona partecipazione sia dei lavoratori direttamente coinvolti sia di persone che comunque hanno voluto esprimere la loro solidarietà ai lavoratori che chiedono certezze occupazionali e un futuro per le loro famiglie. Hanno aderito allo sciopero circa il settanta per cento dei dipendenti diretti e la totalità del personale di cooperativa;
- nel 2013 la TNT Express aveva già attuato un piano di ristrutturazione con la chiusura di trentuno filiali sparse nel territorio nazionale, di cui due nel Veneto (Rovigo e Belluno). La grande mobilitazione dei lavoratori consentì allora di ridurre significativamente il pesante impatto sui livelli occupazionali dell’azienda e del relativo indotto;
- a distanza di due anni la TNT Express sta preparando il suo passaggio alla società Fedex Spa a spese dei lavoratori e senza un piano industriale credibile che abbia come obiettivi l’incremento degli investimenti per l’adeguamento tecnologico degli impianti e il mantenimento dei livelli occupazionali diretti e indiretti dell’azienda.
Tutto ciò premesso il sottoscritto consigliere regionale
chiede all’Assessore regionale al Lavoro

se non ritenga opportuno intervenire nelle sedi competenti affinché siano evitati i licenziamenti dei lavoratori delle filiali venete della multinazionale TNT Express Italia al fine di salvaguardare i livelli occupazionali diretti e indiretti dell’azienda.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1