Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta immediata n. 27 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 27

CERTIFICAZIONI GENERICHE E INCOMPLETE DELLE CASE DI RIPOSO: LA GIUNTA REGIONALE INTERVENGA PER GARANTIRE LE AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FAMIGLIE VENETE!

presentata il 27 agosto 2015 dai Consiglieri Pigozzo, Sinigaglia, Salemi e Ferrari



Premesso che:
- le rette sostenute dai familiari che hanno a carico persone non autosufficienti ospitate nelle Case di Riposo e nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (R.S.A.) della nostra regione assommano più voci di spesa, relative a tipologie diverse di assistenza:
1) quella relativa al compimento degli atti di vita quotidiana che nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti è affidata al personale delle cucine, delle pulizie, delle lavanderie, degli “uffici acquisti”; in base al DPR n. 917 del 1986, art. 15, comma 1, lettera i-septies), “le spese, per un importo non superiore a 2.100 euro, sostenute per gli addetti all'assistenza personale nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, se il reddito complessivo non supera 40.000 euro” sono detraibili; la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 397/E del 22 ottobre 2008 conferma tale detraibilità nella misura del 19%;
2) quella relativa alle prestazioni sanitarie affidate a figure professionali mediche o paramediche (previste dalla Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 19/E del 1 giugno 2012); le spese relative a questa specifica tipologia di prestazione sono invece deducibili;
3) quelle “alberghiere”, relative a vitto e alloggio, che non possono fruire di agevolazioni fiscali;
- le detraibilità e deducibilità fiscali di cui sopra sono possibili a patto che le relative voci di spesa risultino distintamente dalla documentazione che deve essere rilasciata dalle Case di Riposo e dalle RSA.
Rilevato che:
- a quanto pare, non vi sarebbe uniformità nelle tipologie delle certificazioni che vengono prodotte e rilasciate dalle varie strutture assistenziali venete che accolgono quasi 28.000 anziani non autosufficienti;
- alcune strutture, infatti, rilascerebbero certificazioni del pagamento di rette prive delle necessarie specifiche che consentirebbero l’ottenimento delle agevolazioni fiscali di cui in premessa; altre ancora rilascerebbero attestazioni di pagamento parziali, relative alle sole spese mediche/paramediche, senza neppure indicare quelle sostenute per l’assistenza al compimento di atti di via quotidiana.
Considerato che la situazione sopra descritta era già stata portata all’attenzione della Giunta regionale nella scorsa Legislatura, attraverso un atto ispettivo che non ha mai ottenuto risposta.
Tutto ciò premesso e considerato, i sottoscritti Consiglieri
interrogano la Giunta regionale

per sapere se interviene con la massima urgenza affinché le certificazioni di pagamento delle rette delle Case di Riposo e delle R.S.A. del Veneto vengano uniformate secondo un unico standard regionale, dettagliato e completo di ogni tipologia di spesa effettivamente sostenuta dagli utenti e dai loro familiari, affinché non si continui a privarli della possibilità di accedere alle agevolazioni fiscali cui hanno diritto.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1