Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta immediata n. 811 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 811

SALMONELLA NELL’ADIGE, LA SPONDA PADOVANA VIETA L’IRRIGAZIONE DEI CAMPI, QUELLA RODIGINA NON NE SA NULLA. COSA INTENDE FARE LA REGIONE?

presentata il 3 settembre 2019 dai Consiglieri Bartelle, Ruzzante e Guarda



Premesso che:
- l’azienda ULSS 6, presso la stazione del Fiume Adige n. 206 di Anguillara Veneta (PD), ha rilevato la presenza di Salmonella nelle acque superficiali di tale corso d’acqua;
- conseguentemente ha emanato la nota prot. N. 132909/SIAN 27.08.2019 proponendo la sospensione dell’utilizzo delle acque del Fiume Adige per scopo irriguo;
- il Comune di Anguillara Veneta (PD), con Ord. prot. N. 6261 n. 39/2019 Reg. Pubbl. n. 742 29.08.2019, ha vietato l’utilizzo delle acque del Fiume Adige per scopi irrigui;
- da notizia diffusa a mezzo stampa si apprende che, mentre sulla sponda Padovana l’allarme è stato diramato martedì 27.08.19 e giovedì 29.08.19 sono state poste in essere adeguate contromisure, sulla sponda rodigina il Dipartimento di Prevenzione dell’ULSS 5 Polesana non ha ancora diramato alcuna nota che potrebbe essere diffusa oggi allorquando le analisi in corso risultassero positive.
Considerato che:
- ove l’Azienda ULSS 5 Polesana accertasse la presenza di Salmonella nelle acque dell’Adige (circostanza verosimile poiché è difficile pensare che il batterio abbia “scelto” il lato padovano del Fiume) significherebbe che nel rodigino si è omesso di vietare l’utilizzo di acque potenzialmente in grado di contaminare le coltivazioni;
- sussiste il rischio che nel frattempo siano stati manipolati e/o raccolti e commercializzati prodotti ortofrutticoli non commestibili con conseguente pericolo per la salute pubblica;
- è necessario adottare di provvedimenti idonei a salvaguardare la salute pubblica e a sanzionare eventuali omissioni da parte dei soggetti responsabili di eventuali omissioni.
I sottoscritti consiglieri
interrogano la Giunta regionale

per sapere quali azioni intenda porre in essere la Regione in relazione ai fatti segnalati.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1