Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

atti ispettivi

Contenuti: Interrogazione a risposta scritta n. 785 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 785

INCARICHI DIRIGENZIALI: QUANTI SOGGETTI HANNO SVOLTO O SVOLGONO ATTUALMENTE L’INCARICO DIRIGENZIALE IN ASSENZA DEL DIPLOMA DI LAUREA E PER QUALI RAGIONI LA NORMATIVA REGIONALE SI DISCOSTA DA QUELLA NAZIONALE E DAI PRINCIPI FONDAMENTALI IN MATERIA?

presentata il 5 agosto 2019 dal Consigliere Ruzzante



Premesso che con propria precedente interrogazione a risposta immediata avente ad oggetto “È LEGITTIMO L’ATTUALE INCARICO DI DIRETTORE DELL’ATER DI PADOVA” e depositata in data 2 agosto 2019 il sottoscritto consigliere rappresentava che il diploma di laurea, conseguito nel 2009 presso la Adam Smith University USA di San Marino e indicato in seno al proprio curriculum dall’attuale Direttore dell’ATER di Padova, fosse stato conseguito da ente che il CIMEA[1] ha compreso tra le istituzioni irregolari e che rilasciano privi di titoli di riconoscimento: in tal senso, tale circostanza, e cioè l’assenza di valore legale di tale diploma di laurea, è stata confermata dall’attuale Presidente dell’ATER di Padova nel contesto di un articolo pubblicato da “Il Mattino di Padova” in data 3 agosto 2019, ove lo stesso afferma che l’attuale Direttore del citato ente strumentale “non è stato scelto per il suo titolo accademico, che sapevamo non avere valore legale”.
Considerato che l’attribuzione dell’incarico dirigenziale in assenza del diploma di laurea parrebbe essere conseguenza della criticità di sistema segnalata dal Procuratore regionale[2] presso la Corte dei Conti in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2016, nella parte in cui lo stesso ebbe a rilevare, peraltro traendo spunto dagli incarichi dirigenziali presso le ATER per effetto dell’applicazione normativa di settore vigente al tempo (v. art. 18 della l.r. 10/1995; nonché art. 26 dello Statuto dell’ATER della Provincia di Padova), che “In un simile contesto, si è potuto osservare, come, in alcuni casi, si sia proceduto in contrasto, certo non formale, ma sostanziale, con quanto l’ordinamento prevede per tutti gli altri enti pubblici, vale a dire la selezione attraverso un pubblico concorso, preceduto dal possesso di determinati titoli, fra cui la laurea. In un Ater, è stato così possibile bandire un concorso per dirigente di area tecnica, prevedendo quale requisito la laurea in ingegneria o architettura o, in alternativa, il diploma di geometra. Concorso poi vinto da un soggetto con il diploma di geometra.”; prosegue, poi, con riferimento al tema degli incarichi dirigenziali, sostenendo che “Per la normativa regionale, un tale conferimento è possibile, invece, indipendentemente dalla maturazione del quinquennio in funzioni dirigenziali presso altri enti e dal possesso della laurea (art. 20 e 22 LR 1/1997 e art. 23 LR 54/2012).”.
Rilevato che la legge regionale n. 19/2016 ha inserito il comma 2 ter all’art. 21 “Disposizioni sul conferimento degli incarichi dirigenziali” della legge regionale n. 54/2012 , che così recita: “Gli incarichi di funzione dirigenziale possono essere altresì conferiti a dipendenti in posizione di comando da altre pubbliche amministrazioni, in possesso della qualifica di Dirigente e di adeguata esperienza professionale per l’incarico da ricoprire.”; il riportato comma 2 ter è pedissequa trasposizione dell’abrogato, per effetto della medesima l.r. 19/2016, comma 6 dell’art. 23.
Il sottoscritto consigliere
interroga la Giunta regionale

per sapere, giusta quanto in premessa:
1) Per quali ragioni la normativa regionale in materia di attribuzione degli incarichi dirigenziali è difforme dalla normativa nazionale e dai principi fondamentali in materia?
2) Quanti e quali soggetti, sia presso le strutture della Giunta regionale sia presso gli enti strumentali inseriti nel bilancio consolidato, svolgono attualmente incarichi dirigenziali in difetto del requisito del diploma di laurea.


[1] http://cimea.it/files/fileusers/lauree_30_frode/mobile/index.html#p=1;
http://www.cimea.it/it/chi-siamo.aspx
[2] http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/documenti_procura/veneto/Relazione_per_lxinaugurazione_dellxanno_giudiziario_2016_dott_Scarano.pdf

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1