Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 82 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 82

LA REGIONE SMETTA DI STROZZARE LE AZIENDE CHE SI OCCUPANO DI TPL IN VENETO

presentata il 3 dicembre 2015 dai Consiglieri Bassi, Casali, Conte e Negro


Il Consiglio regionale del Veneto


PREMESSO CHE:
- l’articolo 16-bis del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, come sostituito dal comma 301 dell’art. 1 della Legge n. 228 del 24.12.2012 cd. Legge di Stabilità 2013, ha previsto l’istituzione di un “Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale anche ferroviario” nelle Regioni a statuto ordinario;
- la L.R. n. 3 del 5.04.2013 “Legge finanziaria regionale per l’esercizio 2013” ha istituito il “Fondo regionale per il trasporto pubblico locale” nel quale confluiscono tutte le risorse che lo Stato destina alla Regione del Veneto per il trasporto pubblico locale;
CONSIDERATO CHE:
- il Bilancio di Previsione per l’esercizio 2015, approvato dal Consiglio regionale del Veneto con L.R. n. 7. del 27 aprile 2015, apposta sul Capitolo 101860 denominato “Fondo regionale per il trasporto pubblico locale”, risorse complessive pari a € 406.109.636,58;
- con Deliberazione/CR n. 37 del 07.04.2015, la Giunta regionale ha proposto di ripartire il Fondo tra trasporto ferroviario e trasporto automobilistico e lagunare destinando al trasporto pubblico locale automobilistico e lagunare l’importo di € 256.109.636,58;
- con decreto in data 17 marzo 2015, registrato presso la Corte dei Conti in data 3 aprile 2014 , il Ministro dell’Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha concesso alle Regioni a statuto ordinario un’anticipazione del 60 per cento del Fondo nazionale di cui all’articolo 16-bis;
RITENUTO CHE:
- le Aziende che gestiscono il Trasporto pubblico locale hanno incassato acconti da gennaio 2015 a luglio 2015, dovendo comunque far fronte a tutte le esigenze di servizio, utilizzando anche capitali di terzi, con conseguenti gravi ripercussioni nei conti economici;
- più volte le Aziende di trasporto pubblico hanno chiesto di cambiare la legge regionale per consentire a questo settore di poter usufruire di anticipazioni in dodicesimi anziché essere legate a corresponsioni il cui arrivo è incerto e non consente di programmare esercizio corrente e investimenti;
- giungono notizie che il decreto del trasferimento del restante 40% è appena stato licenziato dalla Corte dei Conti e che comunque i flussi finanziari arriveranno non prime della fine del corrente anno;
- le Aziende in questo periodo dovranno sostenere, tra l’altro, i costi per le tredicesime mensilità, il pagamento dei premi assicurativi per i mezzi oltre al pagamento dell’una tantum previsto con la firma del nuovo contratto di lavoro;
impegna la Giunta regionale

- a porre in essere tutte le azioni possibili per erogare i finanziamenti dovuti alle aziende che si occupano di trasporto pubblico locale al più presto e comunque entro e non oltre il 31/12/2015;
- a riorganizzare, per l’anno 2016, il sistema di corresponsione dei corrispettivi per dodicesimi, in modo da non creare squilibri finanziari alle aziende che si occupano di trasporto pubblico locale.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1