Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 117 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 117

LA REGIONE VENETO TUTELI I LAVORATORI VERONESI DI MERIDIANA A RISCHIO LICENZIAMENTO E SI BATTA PER LA SALVAGUARDIA DELLA BASE AEREA DI VERONA

presentata il 21 marzo 2016 dai Consiglieri Bassi, Casali, Berlato e Brusco


Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:
- l’attuale compagnia aerea denominata Meridiana fly è il risultato della fusione inversa per incorporazione, avvenuta nel 2010, tra Meridiana S.p.a. (ex Alisarda S.p.a. costituita nel 1963) ed Eurofly, specializzata nel charter di medio e lungo raggio, già di proprietà di Meridiana S.p.a. ma, sino alla fusione, operante con brand e C.O.A. (Certificato di Operatore Aeronautico) separato;
- la fusione tra Meridiana S.p.a. ed Eurofly S.p.a. ha scongiurato il fallimento di Eurofly, già in crisi da diversi anni, e ha dato vita al nuovo brand Meridiana fly di proprietà della holding rinominata un anno dopo Alisarda S.p.a.;
- la holding Alisarda S.p.a. è proprietaria anche di altre importanti società. Tra queste Geasar che gestisce in monopolio l’aeroporto di Olbia e che è, a sua volta, proprietaria di Eccelsa Aviation, operatore dell’aviazione commerciale (voli privati) nello scalo gallurese. Va qui rilevato che le importantissime infrastrutture aeroportuali gestite dalle suddette società aeroportuali sono state realizzate dal Ministero dei Trasporti e date in concessione (in monopolio), recentemente rinnovata per 49 anni, a Geasar S.p.a. Nel 2011 Meridiana acquisisce, salvandola dal tracollo finanziario, un’altra compagnia aerea italiana con una situazione patrimoniale disastrosa, Air Italy, la quale - ora di proprietà al 100% di Alisarda S.p.a. - opera con C.O.A. separato da quello di Meridiana fly, ma brand ormai completamente assorbito in quanto gli aeromobili Air Italy volano oggi con livrea Meridiana e codici di volo IG (Meridiana), addirittura anche il personale di volo è uniformato;
- la holding Alisarda S.p.a. è proprietaria, oltre che di Meridiana fly, Air Italy, Geasar (e di altre società minori), anche del 100% di Meridiana Maintenance S.p.a., azienda ad altissima specializzazione tecnologica di primo piano sia a livello europeo che di tutto il bacino del Mediterraneo con eccellenti potenzialità di vendita di servizi e di manutenzione pesante anche a società terze. La sede legale di tutto il Gruppo Alisarda è ubicata ad Olbia. Nello stesso territorio risiedono i lavoratori amministrativi delle suddette società, tutto il personale della manutenzione pesante che opera all’interno dei due hangar, il personale di scalo oltre ai piloti e agli assistenti di volo addetti alla base di Olbia;
- presso la base di Cagliari risiedono invece i piloti e gli assistenti di volo addetti a quella base oltre al nucleo tecnico della manutenzione di linea;
- presso l’aeroporto di Malpensa e di Verona sono ubicate le ulteriori due basi di armamento di Meridiana fly con piloti, assistenti di volo e tecnici;
- presso la base di Malpensa, dove è ubicato il baricentro della controllata Air Italy, è in atto con crescente intensificazione, la concentrazione dell'attività operativa sia di volo, dove prevedibilmente saranno trasferiti anche gli asset amministrativi/gestionali;
- la base di Firenze, scalo in cui Meridiana era leader, è stata invece inspiegabilmente chiusa nell’anno 2010 nonostante i fortissimi volumi di traffico espressi e prontamente assorbiti da altri vettori stranieri;
CONSIDERATO CHE;
- il mercato nazionale e internazionale del trasporto aereo è in crescita nonostante il permanere della crisi economica che ha falcidiato altri settori commerciali: quello italiano è il 6° al mondo in ordine di grandezza, ma solo le compagnie straniere riescono a cogliere i benefici della crescita del settore gestendo ben il 60% del mercato italiano e relegando le compagnie italiane sopravvissute ai margini del proprio mercato di riferimento. Questo cagionando un mostro sociale con 17.000 addetti del comparto che fruiscono di ammortizzatori sociali e hanno perso o, come nel caso di Meridiana, stanno per perdere il lavoro buttando via irreversibilmente anche un know-how mai più recuperabile;
- nella vicenda Meridiana, molto ha influito la politica delle varie regioni: e mentre le regioni Sardegna e Lombardia hanno fatto sentire forte la propria voce salvaguardando (ed in alcuni casi addirittura potenziando) le basi ubicate nei propri territori, altre regioni come il Veneto non hanno ottenuto risultati infondendo nei lavoratori coinvolti un senso di abbandono e di scoramento;
- meridiana è a Verona da circa 30 anni, fin da quando la compagnia era denominata Alisarda ed ha avuto un ruolo storico fondamentale per la crescita dell’aeroporto scaligero, rappresentando per qualche decennio il vettore assoluto per la garanzia dei collegamenti aerei nazionali con la città di Verona e con tutto l’hinterland;
- a fronte della crescente mole di attività commerciale, nel 1997 Meridiana vara la base operativa di Verona, con personale in pianta stabile, arrivando ad un picco di circa 300 unità. La strategia imprenditoriale di Meridiana però sembra non aver consentito il pieno sfruttamento delle enormi potenzialità che il crescente mercato Veneto offriva ed offre, pur trovandosi in una posizione leader su questo aeroporto per decenni. Nonostante ciò, sulla base di Verona, resta insistente una importante operatività di voli nazionali e internazionali, fatti operare, però dalla controllata Air Italy, mentre i lavoratori Meridiana Fly ivi residenti sono in CIGS!!!;
- ad ottobre 2015 si è' dovuto assistere all'ennesima presa in giro riservata ai lavoratori di questa base: dall’azienda è stato loro proposto il trasferimento su altre basi pur di rientrare nel ciclo produttivo (proposta alla quale molti hanno aderito) ed immediatamente dopo Meridiana ha pomposamente varato una campagna pubblicitaria ove si annuncia il potenziamento del network da Verona. Ancora una volta, però, queste nuove attività vengono svolte attraverso la sola controllata Air Italy, discriminando di fatto i lavoratori che qui risiedono. E nel frattempo, per i lavori Meridiana residenti a Verona, si staglia all’orizzonte in maniera sempre più preoccupante lo spettro della mobilità: il momento cruciale infatti sarà la prossima scadenza della CIGS, prevista per giugno 2016;
- allo stato attuale inoltre è abbastanza palese il dumping interno consumatosi e che ha comportato il progressivo travaso di voli da Meridiana fly a beneficio di Air Italy, con la conseguenza che la gran parte dei voli del network di Meridiana fly oggi sono operati da Air Italy. Inoltre la stessa Air Italy, avendo sui propri aeromobili la livrea Meridiana e vestendo il proprio personale con le divise Meridiana, induce i passeggeri - che credono ancora di volare con Meridiana - in errore;
- in questo spostamento di voli da Meridiana fly ad Air Italy risiede la causa di una gran parte degli esuberi di Meridiana fly. Inoltre è singolare che in questi ultimi 5 anni, pur in regime di CIGS, per far fronte all’operativo estivo in corso, Meridiana abbia sovente concluso diversi contratti di wet lease (noleggio di aeromobili con equipaggio) con compagnie aeree dell’est europeo, pur disponendo di personale e flotta, preferendo mantenere i propri dipendenti in cassa integrazione a carico di Inps e Fsta!!!;
- tutto questo conferma i timori sul fatto che la mission occulta delle ultime dirigenze sia la chiusura di Meridiana e il trasferimento di tutti gli asset positivi in Air Italy!!!;
- a febbraio 2016 è stato annunciato l'interessamento da parte della Qatar Airways all'acquisizione del 49% delle quote in capo a Meridiana fly. È partita una intensa fase di incontri presso il Ministero dello Sviluppo Economico, che segue direttamente l'operazione, dove i rapporti con i referenti del Qatar sono tenuti dalla stessa Ministra Guidi. Tutti sono consapevoli dell'opportunità che si prospetta, convinti ora più che mai che la fusione tra Meridiana Fly ed Air Italy aprirebbe spazi propedeutici per la risoluzione di questioni che, compresse nel solo perimetro Meridiana, diventano esplosive. I nodi sui quali si sta imperniando il confronto sono: 1) gli esuberi; 2) i contratti di lavoro; 3) il piano industriale di rilancio;
- attuare la fusione prima o dopo aver affrontato il tema esuberi non è indifferente: la cosa infatti determinerà se i licenziamenti colpiranno solo in Meridiana oppure l'intero gruppo. Meridiana infatti è arroccata sulla posizione che prevede che i 900 esuberi (al netto delle uscite volontarie già avvenute) ancora insistenti, rispetto ai 1634 dichiarati nel 2011, debbano esser ricercati all'interno della sola Meridiana;
- si ricorda infine che tra i 900 esuberi, circa 550 sono assistenti di volo: e a Verona la quasi totalità dei circa 250 addetti sono proprio assistenti di volo. L'azienda ha già ricevuto disponibilità dalle parti sociali a recepire il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e quindi metter mano ai rinnovi contrattuali;
- il Piano Industriale, esposto il 14 marzo 2016, ha contenuti aleatori in termini di prospettive di rilancio e garanzie occupazionali future, mentre al contrario sono insistenti le voci dei forti tagli di organici e richieste di flessibilità e sacrifici salariali. E non contempla nemmeno la fusione tra le due compagnie;
RITENUTO che l'intervento della Regione Veneto e, in particolare, del presidente Luca Zaia possano contribuire a deviare il corso di questa vicenda, che seppur ripetutamente denunciata, sembra sempre più destinata ad essere ignorata e soprattutto scaricata sulla parte più esposta: ed i lavoratori residenti a Verona sono tra questi;
impegna il Presidente Zaia e
la Giunta regionale

a farsi parte attiva nelle sedi ritenute più opportune per scongiurare la “strage sociale” che si abbatterebbe sui lavoratori veronesi di Meridiana sui quali pende, minacciosamente, la spada di Damocle della mobilità.

SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1