Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

attività di indirizzo

Contenuti: Mozione n. 523 - 10^ legislatura
COREVE

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
DECIMA LEGISLATURA


MOZIONE N. 523

LA REGIONE VENETO ESPRIME CONDANNA PER LA DISTRUZIONE DELLA FORESTA AMAZZONICA E PER LA CONDOTTA AUTORITARIA DEL PRESIDENTE DEL BRASILE. JAIR BOLSONARO NON RAPPRESENTA IN ALCUN MODO IL VALORE DEI VENETI NEL MONDO.

presentata il 5 settembre 2019 dai Consiglieri Sinigaglia, Zanoni, Fracasso, Azzalin, Pigozzo, Salemi, Zottis e Bigon


Il Consiglio regionale del Veneto


PREMESSO CHE:
- l’Amazzonia è una foresta pluviale tropicale, la cui vegetazione si è espansa enormemente grazie alla condizioni calde e umide offerte dal bacino idrografico del Rio delle Amazzoni e dei suoi numerosi affluenti. L’intera area ha un’estensione che supera i 7 milioni di chilometri quadrati, con la foresta vera e propria che occupa circa 5,5 milioni, circa 18 volte l’Italia. Da sola, la foresta amazzonica costituisce circa la metà di tutte le foreste pluviali ancora esistenti sulla Terra. Ha un ecosistema estremamente diversificato, conta oltre 16 mila specie di piante e si stima che nel complesso ospiti oltre 390 miliardi di alberi;
- il Brasile ospita nel proprio territorio i due terzi dell’intera foresta amazzonica. Secondo i dati del satellite AQUA riportati dall’INPE (Istituto nazionale di ricerche spaziali del Brasile che insieme alla NASA e al Programma Copernicus dell’ESA vigila sulla deforestazione amazzonica) dall’inizio del 2019 ad oggi ci sono stati 76.720 incendi in tutto il Brasile, ovvero l’84% in più rispetto al 2018. Si tratta del numero più alto dal 2013. Oltre la metà dei roghi è avvenuta nella foresta pluviale;
- tra il primo e il 24 agosto scorsi l’ESA ha rilevato nella sola foresta amazzonica circa 4.000 incendi, contro i 1.100 dell’agosto del 2018. Gli incendi hanno prodotto almeno 228 milioni di tonnellate di anidride carbonica, uno dei principali gas serra responsabili del riscaldamento globale. È comunque ancora presto per stime definitive, considerato che la stagione secca prosegue di solito fino a ottobre;
CONSIDERATO CHE:
- il fenomeno sopra descritto mette a drammatico rischio non solo la vita delle migliaia di specie che popolano la foresta amazzonica, ma anche, a livello planetario, il giusto equilibrio di ossigeno nell’atmosfera;
- tutto il mondo guarda con forte apprensione alla vicenda e lo stesso Pontefice è intervenuto affermando che “Siamo tutti preoccupati per i vasti incendi che si sono sviluppati in Amazzonia. Quel polmone di foreste è vitale per il nostro pianeta”;
- quanto è in atto è strettamente legato alla deforestazione. I livelli di umidità in questo ecosistema dal clima equatoriale sono tali da rendere altamente improbabile lo sviluppo di incendi spontanei. Invece, nella stagione secca, da giugno a novembre, allevatori e coltivatori bruciano porzioni di foresta per fare spazio a nuovi pascoli o sottrarre alla foresta terreno per nuovi appezzamenti agricoli;
- il processo di deforestazione è stato fortemente sollecitato dall’attuale presidente del Brasile, Jair Bolsonaro. La Nasa, agenzia spaziale statunitense, ha dichiarato che l’attività antincendio nel bacino dell’Amazzonia ha subito una flessione nel corso di quest’anno. La comunità scientifica è concorde nel valutare che l’Amazzonia ha subito perdite di alberi e vegetazione ad un ritmo accelerato da quando Bolsonaro è entrato in carica a gennaio. Nell’ultimo decennio i governi precedenti erano riusciti a ridurre la deforestazione con l’azione delle agenzie federali e un sistema di multe. Mentre Bolsonaro e i suoi ministri hanno criticato le sanzioni stesse. Non solo: il presidente brasiliano ha licenziato proprio il capo dell’Inpe per aver pubblicato i dati che indicavano un forte aumento della deforestazione nel Paese negli ultimi mesi;
PRESO ATTO CHE:
- nell’ottobre scorso, in coincidenza con l’elezione di Jair Bolsonaro, un gruppo di consiglieri regionali di maggioranza ha inneggiato al nuovo presidente esponendo sul pontile di approdo di Palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale, uno striscione riportante la scritta “Orgoglio Veneto, Bolsonaro Presidente”;
- nell’occasione sopra citata il consigliere del gruppo Zaia Presidente, Luciano Sandonà, ha testualmente dichiarato che “Bolsonaro è cognome di origine veneta: il suo trisnonno partì infatti da Anguillara Veneta, un piccolo centro della bassa padovana; un suo discendente diretto, Jair appunto, si appresta ora a ricoprire la massima carica dello Stato nel cui territorio la sua famiglia crebbe e prosperò. Nella figura di Bolsonaro è possibile osservare un autentico ambasciatore del valore dei veneti nel mondo, e la sua ascesa politica rappresenta in qualche modo un paradigma, un esempio, un modello per tutti i veneti, figli di emigranti, sparsi per il mondo, persone che hanno tra i propri punti di forza la capacità di lavoro, la tenacia, la costanza, il motto dei nostri migranti veneti: mai mollare”;
RITENUTO che la distruzione in atto della foresta amazzonica è l’ultimo capitolo di una lunga serie di vicende che hanno fatto emergere i tratti caratterizzanti ed inquietanti della figura e della presidenza di Jair Bolsonaro. Un governo, il suo, che non può in alcun modo rappresentare il valore dei veneti nel mondo;
esprime

profonda preoccupazione e condanna per la distruzione in atto della foresta amazzonica, conseguenza diretta delle scelte operate dal Presidente del Brasile a favore dei latifondisti e dello sfruttamento monocolturale dei terreni dell’Amazzonia in parte poi condotti alla desertificazione;
afferma che

la dignità dei veneti non può essere in alcun modo accostata alla figura di Jair Bolsonaro, che esprime valori di totale contrasto ai principi di democrazia e della difesa del patrimonio ambientale mondiale;
invita la Giunta regionale

ad assumere analoga posizione, in difesa del più importante polmone verde che il pianeta possegga e a tutela della dignità e del rispetto che si deve ai veneti nel mondo.


SOMMARIO

menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1