Benvenuto nel sito del Consiglio Regionale del Veneto


Link di salto: Vai alla Navigazione principale - Vai ai Contenuti - Vai alla ricerca

archivio notizie in evidenza

Contenuti:

Intervento di Roberto Ciambetti: Sempre in guerra contro i vizi, in pace con i vicini, vicini a chi si ama, felice 2016



 A tutti i Veneti per questo inizio d’anno, ricordando comunque che il Capodanno “more veneto” è il 1 marzo, dedico una riflessione di Benjamin Franklin, genio multiforme e tra gli estensori della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati uniti d’America che chiamo in causa non solo perché fautore del federalismo statunitense e dell’autonomia degli stati federali, non solo perché self-made man, un autodidatta geniale inventore a cui sarebbe piaciuto lo spirito dei veneti dei nostri giorni, ma in quanto figura di estrema attualità, emblematica dell’etica di cui oggi abbiamo tutti bisogno in cui si conciliano il pragmatismo, l’importanza del duro lavoro, la famiglia, lo spirito di sacrificio, il risparmio e il rifiuto dello spreco, e ideali democratici, l’opposizione ad ogni forma di autoritarismo e totalitarismo, politico come religioso. Il tema è quello dell’Illuminismo contro ogni forma di oscurantismo, ragione contro follia, tema di attualità come ci rammenta la cronaca. Ebbene Franklin, scriveva nel suo “Almanacco del Povero Riccardo” a metà del Settecento: “Sii sempre in guerra con i tuoi vizi, in pace con i tuoi vicini, e lascia che ogni anno nuovo ti trovi persona migliore”. Tanti Veneti hanno combattuto quest’anno contro difficoltà avverse d’ogni tipo: penso a chi si è ritrovato senza lavoro, ai giovani che hanno cercato un impiego e che magari sono stati costretti ad andare all’estero per vedere valorizzati i loro talenti, penso a chi teme per i risparmi di una vita, penso ai disabili e a chi è stato colpito della revisioni della spesa pubblica, penso a chi ha sofferto e soffre: penso a Valeria Solesin e alla sua straordinaria famiglia la cui dignità silenziosa è quella della nostra gente. Davanti a questi esempi, davanti a tutti questi veneti che hanno vissuto giorni di dolore e angoscia, sarebbe importante, anche in questi giorni di festa, cercare magari dentro di sé un momento di silenzio da riempire con un ricordo, un pensiero, un impegno per essere appunto sempre in guerra con i nostri vizi, in pace con i vicini, vicino a chi si ama per diventare anno dopo anno sempre migliori, come il buon vino che con l’andar del tempo magari perde in esuberanza ma acquista in forza, struttura e personalità. Buon 2016 e a tutti da Venezia, come dice la gente che va per mare, buon vento, che ci sia propizio, pulisca l’aria e ci spinga verso nuove mete.

Roberto Ciambetti
Presidente del Consiglio Regionale


Archivio notizie in evidenza


menù di sezione:


Link di salto: Torna su - Torna alla Navigazione principale - torna ai Contenuti - Vai alla ricerca
showSondaggio:true valutaParametroOnline:false direttaRefresh:30000
nodo 1