Presentate la Festa medievale e del vino di Soave e la 66a Sagra dei bisi di Colognola ai Colli. Bozza (FI): “Due manifestazioni simbolo dell’est veronese”

03 aprile 2024

 

(Arv) Venezia 3 apr. 2024 -      Presentate oggi a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, la Festa medievale e del vino Soave, che si terrà a Soave dal 17 al 19 maggio prossimi, e la 66a edizione della Sagra dei bisi, che si svolgerà dal 17 al 27 maggio, a Colognola ai Colli. “Due manifestazioni - ha sottolineato il consigliere regionale di Forza Italia Alberto Bozza nel corso della conferenza stampa di presentazione dei due eventi - che celebrano l’est veronese, le sue eccellenze agroalimentari, la sua tradizione, e la particolare bellezza di questi luoghi, ovvero Soave, Colognola ai Colli, e la Val d’Illasi: un’occasione per i cittadini veronesi, per i veneti e per i turisti di vivere al meglio queste atmosfere e gustare i prodotti tipici di queste località, e in particolare da un lato, il Soave, vino bianco conosciuto in tutta Italia, e non solo, grazie alla dedizione dei nostri produttori che hanno saputo innovarsi nel solco di una lunga tradizione, e dall’altro il pisello verdone di Colognola ai Colli, un’altra eccellenza agroalimentare veneta legata a un’attività agricola di nicchia che impone ricerca e impegno da parte dei produttori locali, una preziosità alimentare adatta ai piatti tradizionali e nuovi di cui andiamo orgogliosi, assieme ai colleghi consiglieri che hanno espresso la propria adesione a queste iniziative. Nel corso degli anni, le due manifestazioni hanno ricevuto ampio consenso, hanno ottenuto risultati straordinari grazie alla grande affluenza di pubblico e per il secondo anno consecutivo, grazie all’impegno dei sindaci, delle amministrazioni comunali, delle pro loco e dei volontari, si uniscono creando una particolare e fruttuosa sinergia”. “Una collaborazione che, come amministratori, siamo riusciti ad avviare per il secondo anno consecutivo superando il campanilismo - ha ricordato il sindaco di Colognola ai Colli Giovanna Piubello, con gli assessori Enrico Martelletto (valorizzazione del territorio) e Andrea Nogara (politiche agricole), e il presidente della pro loco Alfonso Avogaro - e promuovendo contestualmente i due eventi che ci uniscono creando uno scambio dei partecipanti attraverso un collegamento con navetta tra le due località, raggiungibili comunque anche con un percorso ciclistico a misura di famiglie. La Sagra dei bisi è nata 66 anni fa come semplice mercato di agricoltori che vendevano il proprio prodotto e che nel corso del tempo è cresciuta al livello attuale grazie alla pro loco, ai volontari e all’associazione dei bisicoltori. Fondamentali per la riuscita della manifestazione il luogo scelto, ovvero l’area cortilizia di Villa Aquadevita, nei pressi del Municipio, e la collaborazione con Soave”. “Festa medievale e del vino Soave - ha evidenziato il sindaco di Soave Matteo Pressi, con l’assessore al turismo Regina Minchio e il presidente della pro loco Giorgio Lecca - è un titolo che rappresenta per intero il contenuto della festa, la nostra tradizione medievale e la coltivazione del vino che dura da secoli, con 6mila ettari vitati (84% a pergola veronese, metodo di coltivazione la cui specificità è stata riconosciuta dalla FAO assieme a quella degli olivi di Assisi e Spoleto), 2630 produttori, 150 imbottigliatori, 50 aziende di trasformazione, 47 milioni di bottiglie, un prodotto conosciuto in tutto il mondo, in un’area riconosciuta anche per la sua architettura, il suo paesaggio e le altre specialità gastronomiche come i ‘rufioi’, dolci che hanno ricevuto il riconoscimento come De.Co.; questo insieme è inscritto nel quadro di una valorizzazione di un territorio che ha ricevuto nel 2022 il titolo di Borgo dei Borghi: la grande frequentazione delle due manifestazioni premia la collaborazione tra le amministrazioni”.